Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Kristina D'Angelo (Balkan Fruit) sulla commercializzazione dei frutti balcanici

"Questo sarà ricordato come un anno piuttosto turbolento per le susine"

Nei Balcani, la raccolta delle susine si avvicina alla seconda parte della stagione. Tuttavia, secondo Kristina D'Angelo, amministratore delegato dell'agenzia commerciale specializzata Balkan Fruit, quest'anno la campagna è stata molto lenta, sia in termini di fornitura che di commercializzazione. Tra le altre cause, c’è stata una costante fornitura eccessiva, un avvio insolitamente anticipato della stagione e il perdurante aumento dei costi.

La Balkan Fruit, con sede a Bretten, in Germania, è stata fondata quest'anno e vuole fungere da collegamento tra i produttori dei Balcani e il mercato di vendita tedesco. D'Angelo dice: "Mio padre gestiva una sua azienda frutticola in Serbia e quindi conosce bene il settore. Successivamente si è concentrato maggiormente sul commercio. Dopo aver deciso di seguire le sue orme, mi è venuta l'idea di avviare una mia agenzia commerciale. In linea di principio, forniamo l'intera gamma di prodotti balcanici - da pomacee e piccoli frutti a susine, albicocche e crauti in inverno. I nostri mercati di vendita sono in particolare quelli all'ingrosso della Germania meridionale e i trasformatori di prodotti di IV gamma, a cui forniamo le materie prime".

La stagione di quest'anno è caratterizzata da un eccesso di offerta
Quest’anno, la stagione delle susine è iniziata eccezionalmente presto, secondo D'Angelo. "Nella prima settimana di luglio - circa 20 giorni prima del solito - sono già arrivati i primi lotti di Cacaks Schöne. Ovviamente non siamo riusciti a immagazzinare tutti i volumi, quindi si è creato un gap fino alla successiva raccolta".

La domanda carente ha complicato la situazione. "Dato che la stagione è iniziata così presto, c'era ancora troppa produzione domestica dalla Germania, il che ha avuto un effetto sulla domanda di susine balcaniche. Durante la prima parte della stagione, il mercato è stato anche molto competitivo in termini di prezzo. La Cacaks Schöne ha registrato una quotazione di 0,85 euro/kg, mentre normalmente si aggira intorno a 0,95 euro/kg. Per questo, l'annata delle susine sarà purtroppo ricordata come molto turbolenta".

"In correlazione con il livello dei prezzi relativamente basso, anche gli elevati costi di approvvigionamento di quest'anno sono particolarmente rilevanti", continua D'Angelo. "Il trasporto è diventato estremamente costoso, e questo ha un corrispondente impatto sui costi fissi. Sfortunatamente, questo significa anche che, alla fine della giornata, al coltivatore rimane ben poco".

All'inizio della seconda parte della stagione, secondo D’Angelo, non si parla ancora di una ripresa del mercato. A causa della mancanza di domanda, la situazione rimane fiacca dal punto di vista commerciale. "Purtroppo vediamo ancora poche variazioni in termini di prezzi. L'attuale varietà principale, la Stanley, viene offerta a circa 0,80 euro/kg. Cerchiamo principalmente di collocare i nostri prodotti sul mercato del fresco, sia al dettaglio che all'ingrosso. Se le merci non trovano un acquirente, vengono vendute all’industria di trasformazione. Al passo con i tempi, vogliamo contribuire all’idea di sostenibilità. Questo è particolarmente importante per noi".

Personale in calo, ma aumenta il potenziale d’esportazione
Nonostante la difficile stagione 2022, l'importatore specializzato intravede un ulteriore potenziale di crescita per la frutticoltura nella regione dei Balcani. "Il settore agricolo dei Balcani è alle prese con una allarmante carenza di personale, poiché è molto difficile attirare le nuove generazioni all’attività agricola. Il tenore di vita nelle aree rurali è molto basso nei Paesi balcanici rispetto alle aree urbane, in parte per l'adesione all'Ue. Se, in una certa misura, si riuscirà ad affrontare queste sfide, sono abbastanza ottimista sul futuro perché intravedo un maggiore potenziale di esportazione, non solo per le susine, ma anche per i piccoli frutti".

Per maggiori informazioni:
Kristina D'Angelo 
Balkan Fruit Obst & Gemüsehandel 
Anne-Frank-Str. 4
75015 Bretten - Germania
Tel.: +49 (0)176 64 399 366
Email: info@balkanfruit.de 
Web: www.balkanfruit.de


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto