Fruit Control Equipments è specialista nel settore

Atmosfera modificata dinamica: crescono gli investimenti all'estero

In un'annata molto complicata, l'azienda Fruit Control Equipments ha adottato alcune strategie per andare incontro alle esigenze di tutti i clienti. "In primo luogo - spiega l'export manager Luca Buglia - abbiamo svolto fin dallo scorso anno un'azione di contatto con i nostri clienti, per far capire loro che i tempi di consegna erano lunghi e si sarebbero allungati ancora di più. E così è stato, ma grazie a questa strategia abbiamo consegnato gli impianti nei tempi previsti. Se prima per impianti standard riuscivamo a consegnare tra i 30 e i 60 giorni, ora sono necessari normalmente anche 4 mesi o più".

Tecnologie e installazioni di FCE

Fruit Control Equipments (FCE) è conosciuta per il sistema di conservazione in cella ad Atmosfera Modificata Dinamica: con questa tecnica di conservazione si prevengono ad esempio fisiopatie importanti, quali il riscaldo molle nel caso delle pomacee, modificando in maniera dinamica le concentrazioni di ossigeno (O2) e anidride carbonica (CO2).

E' un'azienda molto orientata all'export, con circa il 60-70% del fatturato realizzato oltre-frontiera e una sessantina di Paesi dove conta i suoi clienti. L'adesione al Cermac è la conferma di questa propensione all'esportazione. "All'estero vediamo ancora un certo dinamismo. Negli ultimi mesi abbiamo avuto molte conferme sia in Europa, sia in Asia, ad esempio in India. In Italia, invece, si investe meno e solo se sono presenti finanziamenti pubblici con i vari PSR o contributi all'innovazione. In genere, si tratta di modernizzare vecchi impianti".

Uno degli aspetti che ora è al centro dell'attenzione è quello legato ai consumi. "Già da anni - prosegue Buglia - ci siamo indirizzati verso soluzioni sempre più efficienti e macchine che consumassero di meno per cui, di fronte alla crisi energetica di questo periodo, non ci siamo trovati impreparati. Da un anno a questa parte, infatti, l'attenzione su questo aspetto è crescente e noi abbiamo implementato soluzioni all'avanguardia".

Inoltre, negli ultimi tempi sono sempre di più le aziende che chiedono strumenti per la sanificazione dell'aria all'interno delle celle di stoccaggio. "A questo proposito, proponiamo uno ionizzatore (Ionny) che abbatte la carica batterica senza lasciare residui, in quanto l'ossigeno ionizzato (O+; O-) interagisce con le membrane cellulari dei microorganismi, permettendo di allungare la shelf life dell'ortofrutta senza alcuna controindicazione per gli ambienti o per il personale", conclude il responsabile.

Per maggiori informazioni
Fruit Control Equipments srl
Via R.Luxemburg, 55
20085 Locate Triulzi (MI) Italy
+39 02.9048141
info@fruitcontrol.it
www.fruitcontrol.it


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto