Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Csaba Juhos, Fresh Fruit TÉSZ: "Danni da gelo in frutticoltura per il terzo anno consecutivo"

L'ondata di caldo record pregiudica la stagione cerasicola in Ungheria

In Ungheria, l'ondata di caldo di oltre due settimane, con temperature record comprese tra 37 e 40 °C, per giorni e giorni all'inizio dell'estate, sta pregiudicando la stagione del raccolto per i coltivatori e gli esportatori di amarene. Questo prodotto viene esportato dall'Ungheria principalmente nei Paesi dell'Ue, tra cui Germania, Austria, Slovacchia e Repubblica Ceca e Svizzera. Circa il 40% dei volumi rimangono in Ungheria e vengono venduti ai negozi locali e all'industria di trasformazione.


Csaba Juhos, responsabile alle vendite della cooperativa Fresh Fruit TÉSZ

Secondo Csaba Juhos, responsabile alle vendite presso la cooperativa Fresh Fruit TÉSZ, con sede nel sud dell'Ungheria, che conta 300 coltivatori di ciliegie, susine e bacche di sambuco, i loro problemi sono iniziati prima dell'ondata di caldo, con danni causati dal gelo di inizio primavera. "Nella nostra regione, è il terzo anno consecutivo che la frutticoltura subisce danni da gelo. Quindi quest'anno non andremo oltre le 1.000 tonnellate di amarene e 1.500 di susine, rispetto all'anno scorso, che rappresenta forse due terzi della media degli anni precedenti. Ci aspettiamo un raccolto leggermente maggiore di bacche di sambuco, 700-800 tonnellate, da raccogliere dal prossimo mese. I peperoni sono stati meno colpiti dalle intemperie perché vengono coltivati in serra".

Oltre alle alte temperature record diurne, le temperature notturne raramente sono scese sotto i 20 °C, causando un arresto della crescita e una più rapida maturazione dei frutti. Ciò ha comportato ancora più complicazioni per i coltivatori che fanno parte della Fresh Fruit TÉSZ.


Raccolta delle amarene in Ungheria

"Il clima estremamente caldo delle ultime due settimane non ha colpito solo noi umani, ma anche le piante. Le ciliegie hanno avuto una brusca maturazione e l'ultima parte della fase di crescita non ha potuto aver luogo. Questo è il motivo per cui i calibri dei frutti di quest'anno sono più piccoli rispetto all'anno scorso. Sfortunatamente, si prevede la stessa cosa per le susine. Con temperature nei campi che superano i 40°C, anche la raccolta è molto difficile. La frutta deve essere trasportata molto rapidamente nella cella refrigerata", spiega Juhos.

La guerra in Ucraina, nonostante la vicinanza, non ha influenzato direttamente le vendite dei loro prodotti. "Le nostre merci sono colpiti meno direttamente dalla guerra in Ucraina. Sfortunatamente, la Russia ha imposto l'embargo sulla fornitura di frutta fresca nel 2014, quindi da allora abbiamo dovuto vendere alcune delle nostre amarene altrove. Ovviamente anche gli effetti indiretti, come l'aumento dei prezzi dei materiali d’imballaggio, delle tariffe di spedizione e dei prezzi dell'energia, hanno un impatto anche sulle nostre attività. Né abbiamo mancato di notare che l'industria di trasformazione sta cercando di compensare gli aumenti dei costi con i prezzi delle materie prime, poiché il mercato della frutta è molto meno organizzato rispetto ad altri input (es. vetro, energia, fertilizzanti)".

"Indirettamente, ovviamente, anche il mercato interno risente della situazione in Ucraina. Le persone sono più caute nello spendere soldi, quando non sono beni di prima necessità. Questo può essere particolarmente vero per i prodotti i cui costi di produzione, e quindi i prezzi nei negozi, hanno registrato aumenti significativi negli ultimi anni. Ciò che è disastroso per i produttori è che i prezzi di acquisto delle amarene per l'industria di trasformazione (conserviera e succhi) sono molto bassi in relazione alla situazione appena descritta".

Juhos lamenta l'aumento dei costi di input, diventata ormai una realtà per i coltivatori di tutto il mondo. "Il costo di produzione è aumentato molto. I fertilizzanti possono essere acquistati al doppio o al triplo del prezzo dell'anno scorso. I costi di manodopera ed energia sono aumentati di circa il 20-50%. È vero che attualmente i trattori possono ancora essere riforniti i mezzi di carburante a prezzi agevolati, ma anche le spese di trasporto sono aumentate del 30%, a causa dell'aumento dei prezzi del carburante. Sarebbe positivo se potessimo aumentare i nostri prezzi di vendita, ma poi dovremmo affrontare il fatto che i consumatori ridurranno la loro spesa e noi rimarranno con tutti i frutti invenduti. In sintesi, stiamo affrontando un anno economico molto difficile".

Nonostante tutte queste sfide, Juhos afferma di non vedere l'ora che arrivi la stagione delle susine locali. "Attualmente ci stiamo preparando per la stagione delle susine. Vorremmo essere in grado di fornire ininterrottamente susine ungheresi fresche e confezionate, dall'inizio di luglio fino a metà settembre".

Per maggiori informazioni:
Csaba Juhos
Fresh Fruit TÉSZ
Tel.: +36 30 9457390
Email: csaba.juhos@freshfruit.hu 
Facebook: www.facebook.com/fresh.fruit.tesz


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto