Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Il prezzo non è più l'unico fattore che rende competitivo il Marocco

Quando le giornate cominciano ad accorciarsi di nuovo, l'attenzione passa al Marocco. In tale Paese, infatti, si possono trovare i pomodori che permettono di riempire gli scaffali in inverno. Anche se ufficialmente è appena arrivata l'estate, il Paese nordafricano sta già attirando molta attenzione. Se la coltivazione invernale illuminata dovesse risultare nuovamente in volumi molto inferiori, la coltivazione in Marocco potrebbe offrire una soluzione.

"Penso che abbiamo fatto grandi passi esattamente al momento giusto", ha dichiarato durante il recente Global Tomato Congress Kacem Bennani Smires, del Gruppo Delassus. Duroc, che fa parte del Gruppo Delassus, coltiva pomodori su 450 ettari e si occupa anche del confezionamento.


Kacem Bennani Smires e Abdelkhalak Torres di Duroc, che fa parte del Gruppo Delassus

Kacem si riferisce alla professionalizzazione che è stata attuata. "Siamo diventati molto professionali e molto rapidamente, pur rimanendo competitivi". Inizialmente, il pomodoro marocchino si distingueva per il suo prezzo competitivo, ma secondo Kacem ormai questo è ingiustificato. Il pomodoro proveniente dal Marocco si dimostra all'altezza anche in termini di qualità, e anche tutte le altre condizioni sono ben curate. "Invece di inviare i nostri pomodori solo a Perpignan, ora forniamo molti più prodotti preconfezionati per tutto l'anno, ad esempio nel Regno Unito e in Germania".


Duroc si è impegnata a fondo nel settore dei pomodori snack. L'anno scorso l'azienda produttrice di pomodori aveva annunciato il lancio di due nuove varietà per quest'anno.

Miglia alimentari
"Il Regno Unito, in particolare, ha messo in allarme il Marocco - afferma Kacem - Ci hanno fatto sudare per ottenere le certificazioni, tra le altre cose". Ciò ha fatto sì che la fiducia sulla sostenibilità della coltivazione marocchina aumentasse. "I chilometri alimentari sono solo una piccola parte dell'impronta di carbonio totale degli alimenti. Il gas non è un vero problema per noi, anche se i costi di molti altri fattori produttivi sono in aumento. Importiamo quasi tutto, dalle sementi ai materiali di imballaggio. Tutto sta diventando più costoso".

Lo stesso vale anche per la concorrenza. Il Marocco ha uno svantaggio nella competizione con le coltivazioni di pomodoro più a nord: l'acqua. "È la nostra debolezza", riconosce Kacem. L'entrata in produzione di un grande impianto di desalinizzazione ad Agadir entro la fine dell'anno è quindi molto importante per il settore. "È una benedizione".

Per maggiori informazioni:
Delassus Group
www.delassus.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto