Approvate alcune varietà ipoallergeniche di mele

Tra pochi anni, nei supermercati saranno disponibili delle mele ritenute adatte agli allergici. Questi frutti sono il risultato di un progetto in cui i ricercatori hanno sviluppato con successo - in cooperazione con la Züchtungsinitiative Niederelbe (ZIN) - due varietà di mele che sono state riconosciute ufficialmente come ipoallergeniche. Questa è la prima volta che varietà di mele hanno ricevuto il sigillo ECARF dalla European Center for Allergy Research Foundation.

Come capo del dipartimento di frutticoltura dell'Università di Scienze Applicate di Osnabrück, il Prof. Werner Dierend è responsabile per lo sviluppo delle nuove varietà dedicate agli allergici. Lui e gli altri scienziati coinvolti sono riusciti ad attingere a più di 700 varietà di mele dal programma di allevamento ZIN e il successo finale del progetto è stato reso possibile dall'utilizzo delle competenze di varie discipline.

"Siccome è noto che le diverse cultivar hanno un potenziale allergenico variabile, eravamo molto fiduciosi che in questo pool varietale ne avremmo trovata una, o forse più d'una, che fossero ipoallergeniche", dice il Prof. Dierend. Il passo successivo è stato quello di inviare i campioni da Osnabrück all'Università Tecnica di Monaco (TUM), dove sono state analizzate per gli allergeni.

Chi soffre di allergia al polline di betulla è spesso affetto anche da allergia alle mele. Attualmente si conoscono quattro famiglie di allergeni della mela, due delle quali sono considerate meno importanti.

Il Prof. Schwab e il suo team hanno esaminato un totale di 700 diverse varietà di mele ZIN per il loro contenuto di MAL d 1. Le varietà di mele che avevano un contenuto di allergeni particolarmente basso sono state inviate al Prof. Karl-Christian Bergmann, dell'ospedale universitario Charité - Universitätsmedizin di Berlino, dove Bergmann e il suo team hanno eseguito dei test in cui i soggetti allergici alla mela hanno consumato, sotto controllo medico, prima 30 grammi e poi 100 grammi di campioni di mela fresca. I sintomi tipici come il prurito, il formicolio in bocca e il gonfiore delle labbra, della lingua e della mucosa orale sono stati valutati su una scala a tre punti, in base alla loro intensità.

Le nuove varietà di mele, che attualmente si chiamano ancora ZIN 168 e ZIN 186, hanno una buccia rossa. Le mele della varietà ZIN 168 sono dolci, succose e gustose, con una polpa soda e croccante. Hanno un colore rosso di media intensità e dimensioni da medie a grandi. Le mele ZIN 186 sono prevalentemente grandi, croccanti e succose, e hanno una leggera predominanza zuccherina.

Gli scienziati sono ottimisti sul fatto che le due mele per allergici saranno sugli scaffali dei supermercati nel 2025 o nel 2026.

Per maggiori informazioni:
Prof. Dr. rer. nat. Wilfried Schwab
Technical University of Munich
TUM School of Life Sciences
Biotechnology of Natural Products
Liesel-Beckmann-Str. 1
85354 Freising
Tel: +49 8161 71 2912
wilfried.schwab(at)tum.de


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto