Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Espansione delle superfici coltivate a kiwi giallo in Sudafrica

"La produzione di kiwi giallo in Sudafrica è partita da circa 5 anni - spiega Francesco Eichstaedt, export manager della italiana AgricolliBio - Di anno in anno stanno crescendo i volumi produttivi, e in questi ultimi tempi, l'origine sudafricana per il kiwi gold si sta facendo conoscere e apprezzare sui mercati internazionali".

AgricolliBio produce e commercializza kiwi verde e giallo 12 mesi l'anno, riuscendo a rispondere alla domanda di kiwi giallo biologico quando la stagione italiana giunge al termine, con merce prodotta direttamente in Sudafrica.

"Produrre il kiwi giallo in Sudafrica - continua l'export manager - è vantaggioso, perché permette di anticipare la produzione di circa 4/5 settimane rispetto a quella della Nuova Zelanda. Inoltre, le condizioni climatiche sono ideali per la produzione dell'actinidia, il che comporta la formazione di un prodotto molto valido sotto il profilo organolettico e con una buona tenuta in post raccolta".

"In generale il kiwi giallo è una referenza molto apprezzata dai mercati, i prezzi sono soddisfacenti e le vendite procedono bene. Allo stato attuale stiamo iniziando la raccolta del kiwi giallo e prevediamo la partenza dei primi carichi dal Sudafrica tra un paio di settimane; anche se l'ideale sarebbe stato far arrivare la merce in Italia già a fine aprile".

"Purtroppo - commenta Eichstaedt - in virtù delle contingenze che stiamo vivendo, tutta la supply chain sta subendo dei rallentamenti e problemi vari, primi tra tutti il ritardo nella consegna delle merci, l'aumento dei costi dei trasporti e del packaging. In media, le merci via mare vengono consegnate con un ritardo di almeno 3 settimane, ed è intuibile che questo pesi a livello commerciale. In particolare le congestioni al porto di Rotterdam stanno registrando ritardi oltre le aspettative, motivo per il quale abbiamo deciso di importare i nostri kiwi sudafricani direttamente al porto di Civitavecchia, qui in Italia. Altro fattore che quest'anno stiamo avvertendo fortemente è l'aumento dei costi dei trasporti, con maggiorazioni anche del 60% rispetto allo scorso anno".

"Infine il kiwi rosso è in fase di produzione - conclude Eichstaedt - e prevediamo di avere i primi volumi disponibili per i mercati europei a partire dal 2023".

Per maggiori informazioni:
Agricolli Bio
Corso della Repubblica, 298
04012 Cisterna (Latina) – Italy
Francesco​ Eichstaedt - Export Manager
+39 380 4791021
f.eichstaedt@agricolli.bio
orders@agricolli.bio

 


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto