Jeroen Swolfs, direttore operativo della Coöperatie Hoogstraten

La tracciabilità mediante i codici QR e RFID

Oggi ci sono diverse tendenze parallele in tutto il settore ortofrutticolo. C'è una preoccupazione generale per l'ambiente e, in particolare, per un ridotto uso di plastica e i coltivatori, confezionatori, retailer e consumatori vogliono poter tracciare i prodotti. Inoltre, gli operatori sono alla ricerca di soluzioni di automazione per semplificare le attività, rendendole più piacevoli e meno laboriose. Nel 2019, la Coöperatie Hoogstraten è riuscita a soddisfare tutte queste esigenze contemporaneamente.

La fragola è il prodotto protagonista di questa cooperativa belga di coltivatori, che svolge anche le funzioni di asta ortofrutticola. Nel 2019, avevano in parte raggiunto l’obiettivo della piena tracciabilità. "Le persone potevano inserire sul nostro sito web il codice numerato che trovavano sul cestino, e quindi saperne di più sul prodotto e sul suo coltivatore", afferma Jeroen Swolfs, direttore operativo della Coöperatie Hoogstraten.

"Ma i cestini erano realizzati in plastica e i lavoratori dovevano ancora preparare a mano tutte le casse nei vassoi, prima di iniziare la raccolta nelle serre. Alcuni coltivatori hanno due dipendenti a tempo pieno che svolgono solo questa attività. Volevamo utilizzare un codice QR per collegare direttamente il prodotto al profilo del coltivatore, e per ottenere informazioni accurate lungo tutta la filiera. Inoltre, non volevamo più utilizzare la plastica".

"Volevamo anche ridurre il fabbisogno di manodopera, sia nel nostro magazzino che presso ciascuno dei nostri 200 coltivatori di fragole affiliati. Quindi, abbiamo deciso di passare ai cestini di cartone. In collaborazione con Aucxis, un fornitore di soluzioni di identificazione in radio-frequenza RFID, e Smurfit Kappa, il nostro fornitore di cestini per fragole da molti anni, abbiamo progettato un sistema Track & Trace per il nostro imballaggio, che garantisce la tracciabilità del prodotto e consente anche di risparmiare manodopera", afferma Jeroen.

Aucxis
Così, nel 2019, la Coöperatie Hoogstraten ha investito in due linee di Smurfit Kappa per la preparazione dei cestini di cartone per le fragole, che vengono posizionati automaticamente nei vassoi. Questi vengono impilati ordinatamente sui pallet e quindi collocati in magazzino. I coltivatori raccolgono tutti i pallet di cui hanno bisogno e riempiono i cestini con il raccolto del giorno. Da allora, questi cestini, vassoi e pallet sono molto cambiati, grazie alla Aucxis. Il fornitore Track & Trace ha suggerito di utilizzare sia codici QR sia l’etichetta RFID.

Ogni cestino di cartone ha un codice QR univoco, che consente agli acquirenti di accedere direttamente tramite i loro smartphone alle informazioni sui coltivatori. Entrambi i lati corti di ogni vassoio di cartone presentano questi codici. "Scansionando automaticamente questi codici QR, i cestini vengono collegati a un particolare vassoio. Quindi sappiamo esattamente quale cassa contiene quali cestini. Avevamo anche bisogno di un collegamento che mostrasse come un pallet pieno di vassoi arriva a un coltivatore. Ecco perché il vassoio su ogni pallet ha un'etichetta RFID".

"Quando quel pallet supera la porta di scansione, questa etichetta RFID e tutti i vari codici QR dei vassoi vengono letti, grazie alla soluzione ottica della VistaLink che collega ogni pallet, tutti i vassoi associati e, per estensione, tutti i cestini. Le informazioni vengono inserite automaticamente nel nostro sistema ERP. Inoltre, i nostri carrelli elevatori sono dotati di tecnologia RFID. In questo modo, gli autisti possono trovare immediatamente i pallet assegnati a un particolare coltivatore quando quest'ultimo viene a raccogliere i suoi cestini vuoti, senza dover scendere e scansionare manualmente i codici", spiega Jeroen.

La Coöperatie Hoogstraten prevede di implementare un sistema simile per la restituzione di vassoi pieni al magazzino. Mostrerà la data e l'ora di ingresso di ogni vassoio. "Tuttavia, non è possibile utilizzare lo stesso tag RFID, per questo. Diventa frenetico durante la raccolta, e talvolta gli stessi vassoi non sempre finiscono sul pallet originale. Per facilitare il lavoro dei raccoglitori, ogni vassoio ha un codice QR su entrambi i lati, così da essere visibile in qualsiasi senso gli operatori abbiano posizionato i vassoi sul pallet. Questo velocizza l’attività".

Tracciamento
La Coöperatie Hoogstraten utilizza le linee di preparazione esclusivamente per cestini da 500 g, che costituiscono oltre il 95% del loro volume di fragole. Dei 60 milioni di casse che escono ogni anno dalla cooperativa, i consumatori scansionano circa 55.000 codici QR. Questa è una piccola percentuale, ma può considerarsi un dato assoluto. Si prevede che sempre più persone si interesseranno all'origine degli alimenti.

Anche i supermercati apprezzano questo nuovo sistema Track & Trace, perché garantisce la piena tracciabilità. I codici QR sono un valore aggiunto per gli acquirenti. E, secondo Jereon, la Coöperatie Hoogstraten non ha ancora ricevuto alcun richiamo, che richiederebbe l'attivazione del sistema.

"Utilizziamo le linee di preparazione solo per le nostre fragole. Ma, poiché i nostri carrelli elevatori dispongono già di scanner RFID, prevediamo di applicare l’automazione su altri imballaggi in futuro", conclude Jeroen.

Per maggiori informazioni:
Jeroen Swolfs
jeroen.swolfs@hoogstraten.eu
Coöperatie Hoogstraten
Loenhoutseweg 59
Hoogstraten - Belgio
+32 33 40 02 11
info@hoogstraten.eu       
www.hoogstraten.eu     

Lindsy Merckx
Lindsy.Merckx@aucxis.com
Aucxis
Zavelstraat 40
9190 Stekene, Belgio
+32 (0)3 790 17 17
info@aucxis.com
www.aucxis.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto