Wibo van den Ende, Vita Optima:

"Tutta l'uva da tavola che arriva, viene venduta"

Sul mercato attuale dell'uva da tavola, la sfida riguarda di più la catena di fornitura che le vendite. Così afferma Wibo van den Ende della olandese Vita Optima. "Le difficoltà riguardano tutta la catena di fornitura. La pandemia ha un impatto sulla disponibilità dei raccoglitori. Ma ci sono anche altre sfide, dalla disponibilità di refrigerazione in Sudafrica allo spazio di carico dei container. E poi c’è la pioggia e il gelo".

"Negli anni passati, dalla terza alla sesta settimana, arrivavano molte uve da tavola. Ma non è quello che succede ora. L'annata è stabile, anche dal punto di vista qualitativo. Tutto ciò che arriva viene venduto immediatamente. I prezzi sono più alti rispetto alle stagioni precedenti".

"Nonostante i lockdown, il prezzo di mercato tiene bene. Lo stesso vale per altri prodotti importati, come i mirtilli", afferma Wibo (nella foto a destra, con il collega Arnoud Keijzer).

"Le forniture di varietà tradizionali sudafricane continuano a registrare un buon andamento, anche se alcune di quelle più recenti sono state sospese, perché non erano abbastanza performanti. Penso che le varietà ARRA, come le 13, 14 e 15, siano una buona aggiunta sul mercato". Secondo Wibo, la domanda di uva da tavola biologica è ancora molto limitata. "Nessun grande retailer la richiede. Il tempo di transito di quattro settimane non va bene neanche per l'uva biologica".

"Per alcuni anni, è sembrato che la quota delle uve da tavola bianche diminuisse. Ma queste costituiscono ancora il grosso della fornitura di uva da tavola. Vendiamo anche molte uve miste. Mi aspetto che il mercato continui così, anche grazie a una qualità costante. A parte il Sudafrica, il Perù è attualmente uno dei principali operatori sul mercato dell'uva da tavola. E l'India tornerà dalle settimane 6-7. Per quanto riguarda gli imballaggi, continua la tendenza a diminuire l’utilizzo della plastica. Ad esempio, ci sono sempre più imballaggi topseal e sacchetti di carta".

Dal 2018, Vita Optima collabora con PPO Services AG. L'anno scorso, questa collaborazione ha fatto un ulteriore passo avanti. Le società hanno avviato una joint venture. Vita Optima si occupa dei servizi di filiera necessari per l'importazione di container marittimi, oltre al pre-  e reimballaggio (compresi flow-e topseal) e della distribuzione dai Paesi Bassi, per conto di PPO Services e di diversi altri clienti in Europa, e non solo. Si tratta di prodotti convenzionali, biologici e certificati del commercio equo e solidale.

"Ci auguriamo che questo ulteriore passaggio ci porti a crescere ancora come importatore commerciale e fornitore di servizi, in particolare per i programmi dei supermercati. Forniamo retailer in Germania, Scandinavia ed Europa orientale. Grazie alla joint venture, PPO vende in Svizzera, Austria, Italia e Spagna. Grazie a questa partnership, l'anno scorso siamo cresciuti ancora. Non solo con l'uva da tavola, ma anche con agrumi, piccoli frutti, mango e avocado", conclude Wibo.

Per maggiori informazioni: 
Wibo van den Ende
Vita Optima b.v.
224 Klappolder
2665 MR, Bleiswijk - Paesi Bassi
Tel: +31 (0) 610 002 872
Email: wibo@vitaoptimabv.com 
Web: www.vitaoptimabv.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto