Il 2021 è stato un anno particolare per i pomodori, con aumenti consistenti

Dicembre ha generato prezzi dei pomodori superiori alla media. Ciò non dovrebbe sorprendere dopo le quotazioni estreme della scorsa estate, che sono continuate fino all'autunno.

Sul dashboard pomodori della Commissione europea piovono i "plus". Ecco alcune cifre del rapporto sui pomodori: +49% per il prezzo del pomodoro ciliegino nei Paesi Bassi, +56% per il pomodoro a grappolo e +75% per i pomodori tondi sfusi in Belgio.

Clicca qui per ingrandire l'immagine

In tutta l'Unione europea la situazione è meno estrema. A dicembre non è stato superato il massimo quinquennale, come era successo a giugno, luglio, agosto, settembre e ottobre. L'aumento dei prezzi rispetto a novembre ha tenuto il passo con quello degli anni precedenti: +14%.


Clicca qui per ingrandire l'immagine

Nel dashboard si possono notare valori anomali per l'Italia e i Paesi Bassi. In Italia, il massimo quinquennale è stato superato di poco, con una media di 2,30 euro al chilogrammo. In precedenza, nel 2021, era successo solo a luglio.

Clicca qui per ingrandire l'immagine

La maggior parte degli aumenti di prezzo riguarda il pomodoro a grappolo
Nei Paesi Bassi l'aumento dei prezzi è più estremo. Il grafico ha un picco a dicembre ben al di sopra di tutte le medie precedenti. Hanno contribuito a questo risultato i già citati incrementi di quotazione per il pomodoro ciliegino e il pomodoro a grappolo rispetto a novembre.

Quasi nessun altro Paese dell'Unione europea può eguagliare gli aumenti di prezzo avuti nei Paesi Bassi. Per il pomodoro ciliegino, la Spagna è al secondo posto con un aumento del 17%, nel pomodoro a grappolo l'aumento di prezzo rispetto a novembre è superiore solo in Belgio: +69%. In questo caso la Spagna ha registrato il +25%.

Rispetto a novembre, i pomodori tondi sfusi hanno nuovamente perso terreno nei Paesi Bassi (-8%). L'aumento di prezzo più alto è stato nuovamente registrato in Belgio, con il +75%.

In tutta l'Unione europea questa situazione di mercato estrema è particolarmente evidente nel pomodoro a grappolo. Ad eccezione di Germania e Grecia, i prezzi sono aumentati in tutte le nazioni per le quali la Commissione europea dispone di dati. In generale, c'è stato un aumento del 27% rispetto a novembre. Nel pomodoro ciliegino si è trattato del +4%, proprio come per i pomodori tondi sfusi.


Clicca qui per ingrandire l'immagine

Previsioni sulla primavera
La Spagna rimane indietro negli estremi dei prezzi dei pomodori. L'anno si è concluso con una quotazione media a dicembre appena sotto la media dei cinque anni. Da settembre, il prezzo medio dei pomodori è stato abbastanza in linea e dicembre non ha cambiato la situazione, nonostante gli sviluppi di mercato apparentemente favorevoli agli spagnoli, con la crisi energetica nell'Europa nord-occidentale.

Questa situazione di mercato, con prezzi elevati dell'energia, non sembra essere ancora finita. Il fatto che i recenti aumenti compensino questi costi elevati rappresenta un'incognita, variando da coltivatore a coltivatore. Quello che è certo è che anche all'inizio del 2022 è possibile un'evoluzione eccezionale dei prezzi. I coltivatori e i commercianti stanno già tenendo duro per quanto riguarda la primavera. C'è il rischio che molte produzioni arrivino sul mercato nello stesso momento e ci si chiede quale sarà il risultato in termini di formazione delle quotazioni.


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto