Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Jörn Reimers, ARUS August Reimers & Sohn

Vendite pre-natalizie: districarsi tra merci ortofrutticole in netto rincaro

Normalmente, in prossimità delle festività natalizie, le vendite sono alle stelle. Ma quest'anno, in molti luoghi, si segnala che lo shopping pre-natalizio è quasi inesistente. E sembra che la situazione sia simile anche nel settore ortofrutticolo, dove si profilano ulteriori problemi, come ci dice Jörn Reimers (foto a destra), amministratore delegato della tedesca ARUS August Reimers & Sohn Ltd.

"Dalla prossima settimana, i prezzi cambieranno ancor più drasticamente, a causa del maltempo e della forte domanda. Ci aspettiamo un ulteriore aumento del 10-20% per gli ortaggi italiani perché, a causa degli alti costi di trasporto, i prezzi delle merci sono già molto più alti rispetto allo scorso anno".

Tuttavia, il motivo non dipende dalle merci, ma principalmente dai costi di trasporto, che interessano anche i prodotti provenienti dall'Italia, dice Reimers. "Naturalmente influiscono anche i costi energetici. Con il previsto aumento del salario minimo a 12 euro/ora, ci dobbiamo aspettare un ulteriore aumento del 20%", afferma Reimers.

Attualmente, un altro problema riguarda gli accordi con le grandi catene. "Ovviamente, i nostri obblighi di consegna, presi una o due settimane fa, devono essere rispettati. Se manca la merce, siamo noi stessi a risponderne e a farci carico dei costi. Questo non dipende dalla domanda, ma piuttosto dalla mancanza di offerta". Poiché il cavolo rapa sta mostrando una scarsa crescita in questo momento, ci sarà anche una mancanza di fornitura di questo ortaggio. "Inoltre, la qualità è relativamente bassa e i prezzi sono piuttosto alti".

Tanto più che mancano altre opzioni di vendita, a causa della chiusura dei mercatini di Natale. Tuttavia, i clienti di Reimers includono principalmente rivenditori di generi alimentari e fornitori per l'industria dei servizi alimentari. "Queste vendite saranno drasticamente inferiori. Ma ciò di cui c'è bisogno per la nostra attività, lo avrò comunque".

Reimers fornisce le insalate provenienti dalla Francia. Queste, la scorsa settimana, avevano già registrato un aumento del 20%, e dovrebbero aumentare di un altro 20% la prossima settimana, sempre a causa della carenza di prodotto.

Grazie al suo vasto assortimento e alla sua fornitura ai retailer di generi alimentari e ai mercatini settimanali, Reimers è in grado di mantenere i suoi volumi e vendite. "Ciò che ha un forte impatto è che l'attività di ristorazione è in calo, il che ha causato il crollo del business dei frutti esotici. E, ancora una volta, abbiamo il problema degli elevati costi del trasporto aereo. Al momento i frutti esotici, i piccoli frutti e altri, si vendono abbastanza lentamente, anche se non ci sono quantità particolarmente grandi. Questo significa, in una certa misura, mantenere un equilibrio".

Secondo Reimers, le vendite sul mercato all'ingrosso di Amburgo sono diventate molto più fiacche. "Succede ogni anno, ma solitamente da novembre all'inizio di dicembre siamo impegnati nella stagione agrumicola. Ora dovremo pianificare in modo da poter garantire le nostre scorte, prima di Natale". Ma, secondo Reimers, non si può dire in anticipo quali saranno, alla fine, le tendenze. "Quello che si è venduto bene l'anno scorso potrebbe non vendersi bene quest'anno, e viceversa. Questa è la bellezza della nostra attività: non ci si annoia mai", conclude Reimers.

Per maggiori informazioni:
Jörn Reimers
ARUS August Reimers & Sohn GmbH
Auf der Brandshofer Schleuse 4
Gang K Stand 414/415
20097 Hamburg
Tel: (+49 40) 3 25 85 00
Fax: (+49 40) 32 58 50 20
info@arusgmbh.de 
https://www.arusgmbh.de/index.html   


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto