Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Fedagromercati

Aumento dei costi a carico dei grossisti, settore in difficoltà

Fedagromercati, in merito all'aumento dei costi a carico della categoria degli operatori grossisti ortofrutticoli, comunica quanto segue:

"E' indubbio che stiamo attraversando un periodo molto particolare, dove, causa principale gli effetti della pandemia da Covid-19, la nostra economia ha subito forti e bruschi contraccolpi. In questo contesto il nostro settore, che nel primo periodo ha indubbiamente dimostrato una forte resilienza ed una grande capacità di adattamento, oggi sta soffrendo, pressato da una raffica di aumenti che senza dubbio si riverberano su tutta la filiera.

Tutta la categoria degli operatori dei centri agroalimentari e mercati all'ingrosso ha infatti riscontrato un forte aumento dei costi di trasporto, dei carburanti, nonché degli imballaggi e dell'energia elettrica.

Il perdurare della diffusione della pandemia ha certamente accelerato un trend già in essere, causato dalla mancanza di materie prime, dalla mancanza di trasporti navali, dall'aumento del costo del carburante, andando così ad incidere negativamente sulle attività commerciali sia in import che in export.

Abbiamo infatti riscontrato una crescita compresa fra il 10% ed il 20% in tutto il territorio nazionale sui costi di trasporto, sia da parte di agenzie italiane che estere, come anche sui costi degli imballaggi (in particolare pallet, cassette di legno, cartone), mentre per l'energia elettrica, raffrontando i dati dell'ultimo bimestre rispetto allo stesso periodo del 2020, si parla di aumento compreso fra il 40 ed il 100% a seconda delle tipologie di contratto.

E' chiaro che una situazione del genere non può che complicare le attività dei nostri associati, i quali si adoperano ogni giorno per garantire ai cittadini un'adeguata e corretta distribuzione del prodotto fresco, come avvenuto anche durante i mesi di lockdown generale, e allo stesso tempo questi costi sono totalmente a carico delle imprese che rispondendo unicamente alla legge della domanda e dell' offerta del mercato, non hanno alcuna possibilità di applicare logiche industriali nella formazione dei prezzi.

Alla stessa stregua la produzione e la distribuzione finale si trovano a far fronte ai più disparati aumenti che penalizzano il loro impegno. Se vogliamo guardare la  filiera a 360% con l'obiettivo di valorizzare il prodotto italiano e di retribuire correttamente tutti gli attori della filiera stessa credo che ormai non sia più procrastinabile un'alleanza forte fra tutti i suoi componenti, il gioco dello scarica barile non giova più a nessuno; è giunto il momento che le associazioni e la rappresentanza , in maniera unitaria e coesa siano da stimolo verso la politica, affinché una volta per tutte, vengano affrontati concretamente e pragmaticamente le problematiche che ancora oggi coinvolgono la filiera ortofrutticola".


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto