Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Grande affluenza alla Shanghai International Fruit Expo

Il mercato frutticolo cinese è cambiato durante la pandemia

La fiera Shanghai International Fruit Expo (15-17 novembre 2021) è stata un successo. L'evento è tornato ad animarsi e una folla di visitatori ha potuto apprezzare l'ampia varietà di stand aziendali presenti. Il tema di questa fiera è stato 'Global fruit, Chinese market'. Questa fiera è focalizzata sulla regione Asia-Pacifico, ma presenta frutta di alta qualità proveniente da tutto il mondo, per promuovere sviluppi e innovazioni nel settore frutticolo.

Il numero di visitatori è stato inferiore rispetto ad esposizioni simili del periodo pre-pandemico, ma la percentuale di specialisti del settore è stata molto più alta.

"Il nostro stand è stato molto affollato il primo giorno della fiera. Abbiamo avuto visitatori che sono venuti per avere delucidazioni sui nostri prodotti, e colleghi che volevano conoscerci", ha affermato il rappresentante di una delle aziende partecipanti. Un altro ha aggiunto: "Non c’è stata una fiera di queste proporzioni durante la pandemia. Uno dei nostri obiettivi è promuovere i nostri prodotti, ma abbiamo anche approfittato della fiera per rivedere vecchi amici e incontrarne di nuovi del settore".

Questa edizione della fiera ha presentato soprattutto aziende nazionali, a causa delle restrizioni pandemiche. Alcune delle imprese partecipanti possiedono piantagioni in Cina e si concentrano sull'esportazione, mentre altre sono coinvolte in servizi di importazione. Alcune hanno molti anni di esperienza nell'importazione di frutta e possiedono persino piantagioni all’estero, mentre altre sono alla ricerca di nuovi partner d’importazione per espandere le loro linee di prodotti.

Un membro del comitato organizzatore, il sig. Huang, ha parlato dell'impatto della pandemia sulla fiera, e dei cambiamenti che ha causato nel mercato cinese della frutta.

In primo luogo, la gamma di prodotti frutticoli importati sul mercato cinese è cambiata durante la pandemia. "L'epidemia di Covid-19 ha complicato la distribuzione internazionale della frutta. Abbiamo avuto una carenza di container. Lo spazio di carico è stato scarso. I costi di spedizione sono aumentati. Le operazioni nelle aree di produzione sono state interrotte o ritardate. Le procedure doganali sono state estese, a causa di ulteriori misure di prevenzione e disinfezione. L'incidente delle ciliegie del gennaio scorso, quando sono state trovate tracce di Covid-19 su alcuni lotti d'importazione, ha esasperato una situazione già caotica. Tutti questi sviluppi hanno dato nuovi grattacapi agli importatori", ha spiegato Huang.

"Di conseguenza, la gamma dei frutti d’importazione sul mercato cinese è cambiata. Il mutamento più significativo è stato una riduzione della frutta d’importazione dalle zone temperate e un aumento delle importazioni dalle regioni tropicali. Questo perché la maggior parte delle zone temperate sono più distanti, e l'aumento dei costi di spedizione ha ridotto il loro vantaggio competitivo sul mercato. La frutta tropicale, in particolare quella proveniente dalla Thailandia e dal Vietnam, con una distanza più breve da percorrere, ha acquisito un vantaggio competitivo rispetto alla frutta d'importazione proveniente da aree di produzione più lontane".

In secondo luogo, la Cina ha già attraversato un periodo in cui l'offerta non riusciva a soddisfare la domanda", ma ora non è così. Il mercato cinese e i commercianti di quel mercato sono maturati e sono diventati più internazionali.

"E' finito il tempo in cui era sufficiente possedere uno stand in un mercato e aspettare che i clienti venissero da te. Per importatori e grossisti, la situazione ora è più difficile. Le aziende che non possono garantire un approvvigionamento costante di frutti di alta qualità, lentamente scompaiono dal mercato. Solo i più forti sopravvivono. E anche i sopravvissuti devono lavorare sodo, per adeguarsi ed eccellere. I commercianti devono fare il salto da ‘puri commercianti all'ingrosso’ a ‘gestori della catena di approvvigionamento completa’. Questa trasformazione include servizi per gli investitori, e i requisiti per la capacità di gestione sono molto più elevati. Il processo è difficile, ma come una farfalla esce dal suo bozzolo, i vincitori raccoglieranno i frutti".

Il primo giorno della fiera, il comitato organizzatore ha accolto tutti i partecipanti con una cena di benvenuto, per ringraziarli della loro partecipazione. Gli ospiti si sono riuniti in una grande sala per la cena e hanno parlato degli sviluppi del settore.

"La vendita al dettaglio di frutta è legata ancora al contatto diretto fra acquirenti e venditori. I rappresentanti dei marchi che hanno potuto partecipare alla fiera e interagire con i clienti cinesi, sono avvantaggiati rispetto alle aziende che non hanno potuto visitare la Cina. Speriamo che molti fornitori di frutta d'oltreoceano si rendano conto del potenziale del mercato cinese e vengano a Shanghai per confrontarsi sugli sviluppi del settore frutticolo", ha concluso Huang.

Per maggiori informazioni:
Sig. Huang - Membro del comitato organizzatore
Shanghai International Fruit Expo
E-mail: everflourish@fruitexpo.cn
Website: https://www.fruitexpo.cn/ 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto