I coltivatori egiziani di melagrane hanno dovuto affrontare alcune sfide climatiche

Le melagrane egiziane sono arrivate sul mercato un po' più tardi del solito, il che ha avuto un impatto sull'inizio della stagione. Un esportatore spera che la domanda aumenterà nel mese di novembre, perché per allora il colore dei frutti dovrebbe essere migliore. Allo stesso tempo, l'Egitto sta affrontando una forte concorrenza sul mercato europeo.

Secondo Mostafa Ali, direttore commerciale di Rula per la bonifica dei terreni in Egitto, la stagione delle melagrane è stata piuttosto impegnativa, per i coltivatori: "Rula Farms è un’azienda di coltivazione ed esportazione egiziana del gruppo Wadi, che dal 2016 coltiva melagrane e ricorre a coltivatori esterni per soddisfare le richieste del mercato. Quest'anno, la produzione delle melagrane è inferiore e i coltivatori hanno dovuto affrontare molte sfide, sia per quanto riguarda il livello di qualità sia per le pezzature. I calibri 6-8 rappresentano solo un 20-30% della produzione totale di melagrane, e questo per noi non va bene".

La stagione egiziana della melagrana è stata ritardata a causa delle condizioni meteo, che hanno avuto un impatto nel corso della campagna, spiega Ali. "Il meteo ha un grande impatto sul prodotto finale, poiché le condizioni climatiche influiscono sulla colorazione e sulla maturazione del prodotto. Le condizioni che abbiamo avuto hanno causato ritardi in molte coltivazioni di melagrane. Questo ritardo, a sua volta, ha comportato una riduzione della domanda, poiché il colore del prodotto non è quello solito in questo periodo della stagione. Speriamo che la domanda aumenti nei mesi di novembre e dicembre".

Nonostante il ritardo, Ali afferma che al momento c'è richiesta su alcuni mercati: "In questo momento, vediamo una domanda dai Paesi dell'Estremo Oriente, come Hong Kong, Malesia, Singapore e Indonesia, oppure dal Medio Oriente e da alcuni Paesi europei. Tuttavia, la concorrenza in Europa è forte, perché le melagrane spagnole stanno invadendo il mercato europeo. Oltre a questo, sono di stagione anche le melagrane provenienti dalla Turchia e dall'Azerbaigian, i principali concorrenti delle melagrane egiziane, soprattutto nei Paesi dell'Europa orientale”.

"Il livello dei prezzi delle melagrane egiziane varia in media tra i 600 e i 1.000 dollari a tonnellata, a seconda del colore e della qualità. A mio parere, la domanda aumenterà nei mesi di novembre e dicembre e la maggior parte degli esportatori che attualmente sta confezionando, preferisce stoccare i frutti nelle celle refrigerate piuttosto che cercare di venderli subito", conclude Alì.

Per maggiori informazioni:
Mostafa Ali
Rula for Land Reclamation
Tel: +201007350313
Email: Mustafa.ali@wadigroup.com.eg 
www.rulafarms.com 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto