Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Laura Lafuente di Bundesfachgruppe Gemüsebau

La produzione tedesca di verdure deve affrontare tutta una serie di ostacoli

Il clima freddo e umido e la crescente pressione competitiva dall'estero hanno presentato molti problemi ai coltivatori tedeschi di verdure, quest'anno. I produttori della Renania, in particolare, dovranno probabilmente affrontarne le conseguenze ancora per molto tempo, a causa delle inondazioni. Abbiamo parlato di questi problemi e del futuro dell'agricoltura con Laura Lafuente, direttore generale del Bundesfachgruppe Gemüsebau, l'Associazione tedesca dei coltivatori di verdura a Berlino.


Laura Lafuente, amministratore delegato del gruppo nazionale per le colture di verdura

Grandi vendite nel settore hobbistico
"Per i vivai di piante ornamentali e per i mercati specializzati in giardini le cose sono andate bene, quest'anno", dice Lafuente. Sono state registrate buone vendite per le giovani piante da orto come i pomodori innestati, le lattughe o le diverse erbe aromatiche, soprattutto nel settore hobbistico. A causa del clima, però, nel 2021 la situazione è stata nel complesso piuttosto deludente. Lafuente: "E' stato troppo umido e ha fatto anche troppo freddo in primavera. A livello regionale si sono dovuti piantare gli ultimi lotti in terreni estremamente umidi. Nei mercati ci sono state carenze isolate di prodotti provenienti dalla Germania. C'è stata una marcata scarsità di lattughe cappuccine e iceberg, ma i prezzi sono stati più stabili rispetto all'anno scorso". Tuttavia, secondo Lafuente, le aziende più piccole, che vendono principalmente prodotti di nicchia come i funghi pregiati al settore della ristorazione, hanno sofferto particolarmente durante la pandemia di Covid-19.

Un anno migliore per gli asparagi, ma i cetrioli coltivati all'aperto hanno sofferto
Un altro problema è che si devono importare più merci di quante se ne possano esportare. Inoltre, con i prodotti stagionali tedeschi popolari, come gli asparagi, si sente maggiormente la pressione da paesi come la Polonia e la Grecia. Tuttavia, non è stata una cattiva annata per gli asparagi, secondo la manager. Anche se i volumi sono stati un po' più bassi del solito, i prezzi sono stati molto alti intorno a Pasqua. L'offerta di manodopera stagionale è stata migliore rispetto all'anno scorso, ma c'è una costante carenza di lavoratori in tutto il settore orticolo.

"Il raccolto di cetrioli all'aperto soffre delle circostanze legate alla scarsa disponibilità di lavoratori per la raccolta e del salario minimo. Inoltre, per questo prodotto non c'è quasi nessuna possibilità di raccolta meccanica. I prezzi difficilmente riflettono lo sforzo richiesto. Le macchine raccoglitrici a nastro largo sono già utilizzate per le carote, e varie raccoglitrici si utilizzano già per gli asparagi in via sperimentale. Ma la qualità spesso non è così buona come quando si raccoglie manualmente", dice Lafuente.

Nel caso delle colture coltivate all'aperto c'è stato un fallimento regionale totale, a causa del clima rigido. "La qualità di molte colture all'aperto ha sofferto per l'umidità prolungata. Pure gli attacchi fungini e i marciumi sono stati un grosso problema".


Le aziende agricole con cetrioli all'aperto destinati alla trasformazione sono in difficoltà per la mancanza di raccoglitori e l'aumento dei costi.

Vendite al dettaglio e protezione delle colture
I dettaglianti alimentari continuano a generare la maggior parte delle vendite. Anche i commercianti autonomi distribuiscono i loro ortaggi principalmente attraverso la vendita al dettaglio, soprattutto quando è necessario coprire lacune a breve termine. "Chi rifornisce i dettaglianti ha avuto vendite significativamente più alte, specialmente con prodotti come pomodori, cetrioli e peperoni".

Tuttavia, continua Lafuente, i coltivatori di ortaggi sono preoccupati per i regolamenti sull'uso dei pesticidi. "Gli studi scientifici non ricevono più molta attenzione. Le decisioni vengono prese sempre di più senza una base scientifica e quindi tendono a danneggiare ancora di più le coltivazioni regionali. Anche il lavoro di consulenza in materia di protezione delle colture sta diventando sempre più rigoroso, dato che sono disponibili meno principi attivi efficaci nella produzione vegetale. Sta diventando sempre più costoso raccogliere tutti i dati per le piccole colture speciali come le zucchine, il cavolo cinese o vari fagioli per i produttori di agenti di protezione. La riduzione nell'utilizzo dei prodotti di protezione delle colture sta causando l'abbandono delle colture, anche perché il rischio per il coltivatore diventa troppo grande".


Peronospora nella lattuga dopo le condizioni umide persistenti nel 2021

Mancanza di competenze, leggero aumento degli apprendisti
Quello che manca è la formazione; si stanno perdendo le competenze. Anche se il numero di apprendisti è in leggero aumento, è piuttosto difficile per i nuovi arrivati creare nuove imprese o portare avanti quelle esistenti. Le imprese familiari o le grandi aziende che coinvolgono manager esterni sono quelle che hanno più successo. A sua volta, Lafuente ripone la speranza nella rete dei giovani orticoltori.

"Visitano insieme diverse aziende agricole e si danno reciprocamente degli input. Il nostro gruppo nazionale di commercio offre giornate di apprendistato che permettono ai futuri orticoltori di fare networking. Inoltre, offriamo viaggi studio all'interno dell'associazione. L'anno scorso abbiamo fatto un viaggio in Sudafrica per osservarne l'agricoltura. Attualmente stiamo progettando di facilitare un viaggio simile nel 2023 per gli orticoltori negli Stati Uniti e speriamo che, per allora, il tour possa svolgersi senza misure restrittive".

Per maggiori informazioni:
Laura Lafuente
Bundesfachgruppe Gemüsebau
Haus der Land- und Ernährungswirtschaft
Claire-Waldoff-Straße 7
10117 Berlin
Tel.: (+49) 30 2000 65-28
Email: info@gemuesebau.org  
Web: https://www.gemuesebau.org/startseite.html  


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto