Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Sandor Makai (Makai Fruit) sulla frutticoltura ungherese

In questo momento è difficile valutare le perdite

Un aprile insolitamente freddo ha lasciato il segno in Europa centrale. Ad esempio in Ungheria, uno dei più importanti Paesi europei per la coltivazione di drupacee. Nonostante un avvio di stagione lento, per il momento nessuno parla di un’annata mediocre, ha affermato Sandor Makai (a destra), amministratore delegato della Makai Frucht e principale fornitore del mercato all'ingrosso di Vienna.

Per integrare la produzione interna, in questo periodo dell'anno l'Austria importerà asparagi e fragole dalla vicina Ungheria. "Entrambi i prodotti sono ancora disponibili solo in quantità modeste, a causa delle condizioni meteo, e si prevede che i lotti più grandi non saranno disponibili fino alla settimana 20", ha detto Makai.

Per le albicocche, le previsioni attuali parlano di una perdita del 70%.

Ciliegie più piccole ma di buona qualità
Inoltre, la raccolta è iniziata in ritardo a causa del meteo: le prime fragole coltivate nei tunnel riscaldati sono arrivate solo il 10 aprile, e i primi asparagi solo pochi giorni prima. "Non ci aspettiamo le prime fragole coltivate in pieno campo fino alla fine di maggio. Normalmente, la stagione termina a metà-fine giugno, ma quest'anno potrebbe allungarsi".


Ciliegie dolci, coltivate in Ungheria.

Il segmento di vendita più importante dell'industria agricola ungherese riguarda sempre le drupacee, in particolare ciliegie, albicocche e susine. Anche in questo caso si prevede un possibile ritardo di circa 10 giorni, secondo Makai. "Considerato il clima freddo di aprile, ci aspettiamo rese minori di ciliegie, anche se i singoli frutti si stanno sviluppando in modo eccellente. Di conseguenza, per il momento ci aspettiamo una buona qualità dei frutti. La situazione è simile anche per le albicocche, dove la resa sarà il 70% al di sotto del livello medio", spiega Makai.

Prolungamento della stagione delle susine
In questo momento, Makai non vuole rilasciare alcuna dichiarazione sull'entità esatta dei danni da gelo sulle drupacee. "Non ci sono quasi segnalazioni di danni nelle regioni orientali di coltivazione, ma nel sud del Paese i danni sono evidenti ma, anche in quest’area, variano da sito a sito".


Protezione dal gelo nella coltivazione di drupacee ungheresi

Dopo le ciliegie e le albicocche, sono le susine il terzo pilastro nelle esportazioni di drupacee ungheresi. Anche per questa referenza, è difficile attualmente valutare le perdite complessive. Makai dice: "In una prospettiva a lungo termine, testiamo alcune nuove varietà tardive in modo da poter eventualmente prolungare la stagione fino alla fine. L'anno scorso, siamo riusciti a estendere un po' più a lungo la finestra di commercializzazione - intorno a fine ottobre/metà novembre".


Gelatura dei fiori

Situazione commerciale difficile
L'esperto di frutta gestisce il proprio frutteto di drupacee nell'Ungheria sud-orientale e commercializza i suoi prodotti, e quelli di molti altri coltivatori di diverse regioni, direttamente al mercato all'ingrosso di Vienna. "Le restrizioni imposte dalla crisi pandemica, e soprattutto la chiusura del settore dell'ospitalità, ci stanno causando problemi sia sul mercato domestico che nel settore dell'export. Tuttavia, a causa dei volumi inferiori in questo periodo dell'anno, domanda e offerta sono abbastanza bilanciate. Quando arriveranno volumi maggiori però, la situazione potrebbero diventare stimolante".

Per maggiori informazioni:
Makai Sándor
Makai Frucht Kft.
+36 30 202 6416
Laxenburger Str. 365.
1230 Vienna (Großmarkt) - Austria
makaisanyi@gmail.com 
www.makaifrucht.webtelek.hu


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto