Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Riduzione al minimo delle emissioni di CO2

Erbe aromatiche coltivate nelle cantine dei ristoranti

L'azienda danese Refarmed, guidata da Camilla Enge, prenderà una posizione per fare la sua parte nella riduzione delle emissioni di CO2. La fattoria verticale dell'azienda produrrà erbe aromatiche fresche nel seminterrato di un edificio e le trasferirà alla grande cucina posta al piano terra dello stesso edificio. Grazie al nuovo finanziamento messo a disposizione sul suo conto dal Danish Green Investment Fund e dal Growth Fund, l'azienda è pronta a creare la sua prima fattoria verticale indoor.

"Spesso, un prodotto propriamente danese come l'erba cipollina viene trasportato in aereo dalla Tanzania, dove i distributori possono acquistare i prodotti a prezzi molto bassi. Ritengo che molti non siano affatto consapevoli di quanto sia elevata l'impronta di carbonio delle verdure che consumano. La nostra ambizione è quella di cambiare il modo di pensare dei fornitori alimentari danesi". A sostenerlo è Camilla Enge, CEO e fondatrice di Refarmed.

Quasi nessun imballaggio
La prima fattoria verticale di Refarmed si trova nel seminterrato della società di catering Jespers TorveKøkken a Søborg, vicino a Copenhagen. Con solo cinque scalini che separano la fattoria dalla cucina commerciale del produttore, è possibile consegnare lattughe ed erbe aromatiche che rispettano l'ambiente e che sono di gran lunga migliori in termini di sapore e qualità.

Il percorso ultracorto dalla zona di coltivazione alla cucina significa anche che Refarmed può tagliare la maggior parte dei costi di trasporto e imballaggio, producendo e raccogliendo solo le quantità necessarie in cucina. In questo modo, si ottiene uno spreco di cibo significativamente inferiore e un migliore utilizzo delle risorse del pianeta.

Oggi, molti raccolti si trasformano in rifiuti prima ancora di finire nei negozi. La cultura della produzione su richiesta del settore degli acquisti e le lunghe catene di approvvigionamento globale sono responsabili della produzione di enormi quantità di rifiuti, CO2 e inquinamento da particolato, dice Camilla Enge: "C'è davvero un grande potenziale nella decentralizzazione del sistema alimentare, con produzioni più verticali e locali presso i fornitori alimentari. E' un po' come avere il proprio orto privato dietro l'angolo, solo che nel nostro caso abbiamo rendimenti molto maggiori occupando una superficie più ridotta, in modo che si possa dare spazio alla natura".

La prima produzione locale per Refarmed
Refarmed ha recentemente ricevuto un nuovo finanziamento dal Danish Green Investment Fund, oltre ad aver ricevuto un prestito Covid-19 Start-up dal Growth Fund. Il nuovo capitale sarà utilizzato per implementare la prima produzione locale di Refarmed e i numerosi e potenzialmente validi vantaggi ecologici sono una delle ragioni per cui il Danish Investment Fund ha aderito al finanziamento.

Fonte: https://www.avisen.dk/ 

Photo source: Dreamstime.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto