I danni provocati dal gelo non dovrebbero avere un impatto reale sui volumi totali di mirtilli

La Polonia ha già dovuto affrontare gelate notturne e, nei prossimi giorni, ne sono previste altre. Fortunatamente, finora i danni che si sono verificati nei campi di mirtilli non avranno un impatto significativo sulla resa totale del prossimo anno. Le future gelate potrebbero invece cambiare la situazione, afferma un rappresentante della Polish Berry Cooperative.

Le gelate notturne che si sono si sono registrate in Polonia finora non avranno un impatto significativo sulla resa dei mirtilli di quest'anno, afferma la rappresentante della cooperativa, Dominika Kozarzewska. "Finora i danni invernali alle colture di mirtilli sono stati minimi. Alcune aziende affermano che il 10% dei loro raccolti è stato danneggiato, ma questo non significa che avremo il 10% in meno di resa. Se in questo momento guardiamo ai danni, non dovrebbe esserci alcun impatto reale sui volumi totali dopo la raccolta. Ma la situazione potrebbe ancora cambiare, perché si prevede un'altra gelata. Tuttavia, siamo ancora in aprile e non c’è stata alcuna fioritura, anche se alcuni germogli sono già abbastanza aperti. Dovremo aspettare e vedere come sarà la situazione tra una settimana".

Negli ultimi anni, la produzione di mirtilli in Polonia è aumentata costantemente. Secondo Kozarzewska, la crescita delle piantagioni è leggermente rallentata, ma ci vorrà del tempo prima che il mercato ne senta l'effetto. "Le piantagioni di mirtilli sono ancora in crescita, sebbene aumentino a un ritmo più lento rispetto a prima".

"Se stiamo alle statistiche, che potrebbero essere ancora in difetto di qualche percentuale, nel 2020 il volume totale di mirtilli è aumentato del 18,1%, rispetto al 2019. Questo numero mi sembra un po' alto, ma non impossibile. Ad ogni modo, dimostra che la produzione è ancora in aumento. Inoltre, ora arriveranno a maturazione le piantagioni nate cinque anni fa, e aumenteranno la produzione totale. Nel complesso, c'è meno ottimismo tra i coltivatori. Adesso che la superficie aumenta più lentamente, la situazione potrebbe cambiare, ma non ne vedremo alcun effetto prima di cinque anni".

"Una nuova sfida sarà affrontare la Drosophila suzukii, che ha fatto la sua prima comparsa nel 2020. Abbiamo sempre saputo che questo poteva essere un problema in futuro, e ora la minaccia è diventata reale. Preoccupa molto i nostri coltivatori", dice Kozarzewska.

Ma la buona notizia è che l'inizio della stagione tornerà alla normale tempistica, dopo diverse annate cominciate in anticipo. "Ci aspettiamo che l'inizio della stagione dei mirtilli torni a quando dovrebbe essere. Negli ultimi anni la stagione è iniziata presto, il 1 luglio. Quest'anno si prevede cominci il 10 luglio".

Poiché uno dei principali importatori di mirtilli della Polonia è il Regno Unito, Kozarzewska concorda sul fatto che ci sono ancora molte incertezze sull'impatto che la Brexit avrà sulla loro attività.

"I nostri mercati principali sono Regno Unito, Germania e Paesi Bassi, nonché i Paesi scandinavi. Inoltre, vediamo alcuni grandi sviluppi nei Paesi dell'Europa orientale, come i Balcani, l'Ungheria e la Repubblica Ceca. Poiché il Regno Unito è uno dei nostri mercati principali, la Brexit potrebbe diventare un problema. Non siamo ancora sicuri di quale impatto avrà. Per quest'anno speriamo di non avere problemi, ma i commercianti sono preoccupati che in futuro possa avere ripercussioni su domanda e logistica. Alcuni di questi esportatori stanno considerando anche altri mercati". conclude Kozarzewska.

Per maggiori informazioni:
Dominika Kozarzewska
Polish Berry Cooperative/Polskie Jagody
+48 602 354 586
d.kozarzewska@polskiejagody.pl 
www.polskiejagody.pl


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto