Miriam Cutillas (Uvasdoce): "La promozione per il Capodanno sara' incentrata sui consumi casalinghi"

Finora e' stata un'annata positiva per l'uva da tavola spagnola

La raccolta dell'uva da tavola spagnola si concluderà nel periodo tra Natale e Capodanno. Le uve da tavola importate iniziano quindi già a sostituire quelle domestiche.

"Al momento stiamo lavorando con le uve spagnole rosse senza semi e le Red Globe tardive. Speriamo di coprire i mesi di novembre e dicembre con le rosse senza semi. La scorsa settimana abbiamo terminato la commercializzazione delle ultime uve bianche senza semi, quindi ora le stiamo ricevendo dall'Italia e dal Brasile. La prossima settimana inizieremo anche a importare le prime uve da tavola peruviane", afferma Miriam Cutillas, responsabile vendite e marketing della Uvasdoce.

L'azienda, con sede ad Alicante (Spagna), aveva pianificato di aumentare i suoi volumi di produzione di circa il 12% quest'anno, anche se il meteo ha ridotto questa crescita a circa il 4%. "Le temperature elevate di agosto e le scarse piogge hanno avuto un impatto sulla nostra piantagione di uva da tavola Crimson tardiva, facendoci perdere circa il 90% del raccolto: tra 400 e 500 tonnellate. Fortunatamente quest'anno abbiamo registrato volumi maggiori della nuova varietà rossa senza semi Allison, su cui scommettiamo molto".

Secondo Cutillas, la campagna nazionale dell'uva da tavola è stata molto soddisfacente. "E' passato molto tempo dall'ultima volta che abbiamo ottenuto risultati così positivi nei mesi di luglio e agosto, con prezzi accettabili e vendite soddisfacenti. A partire da settembre, ci siamo trovati davanti a un piccolo ostacolo, in coincidenza con la fine delle vacanze e l'incertezza sul fatto che i bambini tornassero a scuola, a causa della pandemia. Ma il mese si è concluso abbastanza bene. Successivamente, in ottobre, a differenza degli anni precedenti, abbiamo affrontato una maggiore concorrenza domestica con i grandi produttori ed esportatori di Murcia, che riescono sempre più a estendere i loro raccolti a periodi in cui, tradizionalmente, ci siamo ritrovati quasi soli sul mercato. Il nostro obiettivo è continuare ad estendere le nostre raccolte nazionali, sapendo che dovremo fare i conti con la concorrenza".

Per quanto riguarda il periodo di Natale e Capodanno, quando si registrano le maggiori vendite, la pandemia dovrebbe portare cambiamenti nei canali di vendita. "E' vero che perderemo una percentuale delle vendite che eravamo soliti destinare al canale Horeca. Quest'anno ci concentreremo su quelle catene di ristoranti e servizi di catering che consegnano a casa il cenone di Capodanno. Tuttavia, speriamo che le vendite al dettaglio aumentino, poiché se le persone non possono andare a cena fuori o non viaggiano, come spesso accade, mangeranno di più e meglio a casa", afferma Cutillas.

La Uvasdoce si è adattata a questa nuova realtà ridefinendo la sua gamma di uve da tavola per il Capodanno. "E' chiaro che quest'anno resteremo a casa e ceneremo in famiglia. Di conseguenza, abbiamo optato per prodotti che possono aiutare a preparare una tavola di Capodanno più accogliente e ci siamo concentrati meno sui prodotti da asporto, come i classici sacchetti o coppe".

Per maggiori informazioni
Miriam Cutillas 
UVASDOCE
Ctra. Monforte-Agost km. 6,9
Partida de las Norias n.º 188
Spagna
Tel.: +34 965 620 125
Cell.: +34 659670964
Email: info@uvasdoce.com 
Web: www.uvasdoce.com


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto