L'esperienza di Wil Beekers della olandese BerryWorld

'Il nostro nuovo edificio dovrebbe essere piu' efficiente del 20 per cento'

"Dopo tutti questi anni, non avevamo più spazio e abbiamo dovuto affittare tre sedi aggiuntive. Avevamo bisogno di una sufficiente capacità per lo stoccaggio e l'immagazzinamento dei nostri piccoli frutti. Il processo, semplicemente, non era più efficiente", afferma Wil Beekers al telefono dal suo nuovo ufficio della BerryWorld.

Quest'estate è stata completata la nuovissima sede di questa azienda olandese, specializzata in piccoli frutti. Si trova in una posizione accessibile e privilegiata, proprio accanto a un'autostrada.

Gli uffici si trovano sopra la piattaforma refrigerata

Il settore dei piccoli frutti è cresciuto costantemente negli ultimi anni, e così anche i volumi trasformati dalla BerryWorld. Questo ha portato l'azienda ad ampliare la vecchia sede. "L'abbiamo fatto tre volte. I diversi ampliamenti ci hanno consentito di avere più spazio per le nostre attività, ma i processi diventavano sempre più complicati. Le distanze si allungavano troppo e le strutture non si adattavano più le une con le altre. Alla fine, abbiamo dovuto affittare un ulteriore spazio. Ecco perché abbiamo scelto di costruire un nuovo edificio. Soprattutto, volevamo rendere l'azienda di nuovo efficiente".

Più banchine di carico
Prima dell'inizio della costruzione, sono stati esaminati gli ordinativi medi giornalieri. L'azienda lo ha fatto per adeguare correttamente il numero di banchine alle merci in entrata e in uscita. "Nel nostro vecchio edificio avevamo due banchine per la merce in entrata e due per le spedizioni. Abbiamo costruito questo nuovo edificio di 16.000 metri quadrati a forma di L", spiega Beekers.

Le banchine sul lato lungo

"Il lato più corta della L è destinato a tutti i carichi in entrata, con due banchine per i container e cinque per lo scarico. Le altre 14 banchine sul lato lungo sono per tutte le spedizioni in uscita. Ad eccezione delle due banchine per container, sono tutte in un open space senza divisori. Quindi, se abbiamo un picco di arrivi, possiamo aggiungere facilmente altre banchine".

"L'intero edificio, oltre agli spazi per i container, è completamente climatizzato. Questo garantisce che la frutta rimanga alla giusta temperatura, durante l'intero processo di confezionamento. Abbiamo solo bisogno di uno spazio per sistemare i piccoli frutti ed evitare che i pallet vengano trascinati avanti e indietro inutilmente. Grazie alle pensiline a chiusura ermetica delle banchine, il meteo non ha alcuna influenza sulla catena del freddo", continua Beekers.


Le banchine sul lato corto

Certificazione BREEAM
Il nuovo sito della BerryWorld nei Paesi Bassi è stato costruito secondo il più alto standard di sostenibilità della certificazione BREEAM: Outstanding (Eccezionale, ndt).

"La differenza in termini di costi energetici, rispetto al nostro vecchio edificio, è enorme. Non solo il magazzino è dotato delle più moderne apparecchiature di raffreddamento, ma abbiamo anche ottenuto un migliore isolamento. Lo abbiamo fatto installando pareti di raffreddamento PIR e pannelli sandwich spessi 12-14 cm".


Il nuovo edificio della BerryWorld sulla A59, a Made

"I pannelli sono stati utilizzati sia nelle pareti laterali che nel tetto della sala di confezionamento", afferma Beekers. Tuttavia, non si può essere considerati 'Eccezionali' solo per l'isolamento. Ecco perché sono stati installati dei pannelli solari sul tetto del nuovo edificio che, inoltre, non utilizza gas naturale ma sistemi di raffreddamento a CO2 e glicole.

Durante le calde giornate di agosto, il nuovo sistema avanzato di raffreddamento della BerryWorld è stato immediatamente messo alla prova. "Quest'estate le temperature sono salite a 40 °C. E' stato il picco raggiunto durante la stagione olandese, ma noi abbiamo potuto mantenere la stanza refrigerata sui 2-3 °C richiesti, senza troppi sforzi. Questo ci fa sentire pronti per il futuro".

Maggiore efficienza
Sostenibilità ed efficienza sono stati i punti chiave durante la costruzione. Ma quale livello di efficienza spera di raggiungere Beekers?

"E' difficile dirlo al momento", ammette. "Qui possiamo lavorare 360mila cestini al giorno, il doppio rispetto alla nostra vecchia sede. Tuttavia, il nuovo edificio ospita tutte le attività che abbiamo svolto in precedenza nei diversi siti presi in affitto. Pertanto, sto puntando a un miglioramento dell'efficienza di circa il 20%. Stiamo anche lavorando a un'ulteriore automazione nel processo di confezionamento di lamponi, fragole, mirtilli e more".

SR Floors, RS Photography

"Una maggiore automazione riguarderà soprattutto l'inizio e la fine delle linee di confezionamento. Un esempio è il riempimento e l'impilamento automatico di casse e bins attraverso l’utilizzo di soluzioni robotiche. Un'ulteriore automazione non significherà solo lavorare più velocemente, ma in modo più affidabile, sicuro e pulito. Inoltre, stiamo affrontando la sfida della carenza di personale. Abbiamo già una linea di mirtilli completamente automatizzata e banchine completamente condizionate. Operiamo carico e scarico 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Questo fornisce ai nostri clienti e fornitori maggiore flessibilità quando l'ottimizzazione logistica li coinvolge", conclude Beekers.

Per maggiori informazioni
BerryWorld Europe
Stelvenseweg 9a
4921PL Made - Paesi Bassi
Email: Shirley.vanderlinden@berryworld.com
Web: www.berryworld.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto