Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

In Spagna la superficie coltivata a broccoli e cavolfiori aumenta del 25-30 per cento

In Spagna, la superficie coltivata a broccoli e cavolfiori per i mesi autunnali e invernali, è aumentata tra il 25 e il 30% rispetto alla scorsa stagione.

"Anche se sono stati piantati più broccoli per il mercato libero e fino a gennaio è prevista una fornitura maggiore rispetto allo scorso anno, le catene di vendita al dettaglio stanno aumentando i loro ordinativi a causa della situazione del Coronavirus", dice Nacho Doménech, amministratore delegato della Agromark e vice presidente del settore broccoli e cavolfiori della Proexport. "Penso che le catene andranno bene, perché la seconda ondata della pandemia potrebbe essere anche peggiore di quella di marzo, e la gente mangerà ancora più spesso prodotti salutari", aggiunge Doménech.

In Spagna, raccolta è iniziata prima, quest'anno, a causa del clima mite e delle scarse precipitazioni. Ma in Europa il passaggio alla produzione spagnola non è stato ancora completato. Di conseguenza, l'offerta è attualmente superiore alla domanda, e le vendite sono piuttosto stagnanti. Allo stesso tempo, i bassi livelli di umidità stanno favorendo un raccolto di buona qualità, senza problemi di muffa grigia, come è avvenuto all'inizio della scorsa stagione.

"Sono in corso da circa 15 giorni le esportazioni di broccoli spagnoli nel nord dell’Europa, verso destinazioni come Germania, Paesi Bassi o Stati baltici. I volumi spediti sono maggiori rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. La domanda dai Paesi Bassi è particolarmente elevata, anche a causa della chiusura dei ristoranti, che sta portando a un aumento del consumo casalingo di ortaggi. Il Regno Unito, che è il maggior consumatore di broccoli in Europa, ha goduto di un clima più favorevole e sarà quindi ancora in grado di rifornirsi per i prossimi 10 giorni. Al momento, abbiamo alcuni volumi in eccesso e i prezzi sono leggermente diminuiti rispetto alla scorsa settimana, ma con l’inizio delle esportazioni spagnole in altri Paesi, ci sarà un maggiore equilibrio tra domanda e offerta", dice Doménech.

La situazione del cavolfiore è totalmente diversa, rispetto all'inizio dell'anno scorso. "La stagione è iniziata molto prima, l'anno scorso, perché le produzioni nel nord Europa sono state ostacolate da molte complicazioni nei trapianti di luglio e agosto, a causa del caldo eccessivo, che ha portato a problemi di qualità. Al momento, il Regno Unito, i Paesi Bassi e altri Paesi dell'Europa centrale hanno ancora le loro produzioni locali. Per ora esportiamo solo nei Paesi scandinavi, dove fa più freddo. I livelli dei prezzi sono iniziati molto alti e ora, sebbene rimangano tali, sono anche sotto pressione perché la domanda è inferiore al previsto".

La campagna estiva, quando i programmi di fornitura di broccoli e cavolfiori si concentrano principalmente sul mercato interno, è già terminata. Le vendite sono diminuite del 40%, a causa del forte rallentamento del settore turistico. Diversamente, le spedizioni verso i Paesi del Golfo Persico sono aumentate di circa il 50%.


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto