Avvisi



Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Lo sciopero continua: atmosfera cupa a Rungis

Vincent Berlemont, responsabile della comunicazione e del marketing di Desmettre, un grossista multi-specialista in ortofrutta di Rungis, conferma che il mercato è al momento molto calmo per tutti i prodotti. "Dall'inizio di dicembre, abbiamo osservato una riduzione del 5% delle entrate rispetto al 2018, nonché un calo del margine del 7%, che è di circa 200 tonnellate in meno. Attualmente a Rungis ci sono meno clienti del solito. La maggior parte delle strade è bloccata, già dalle prime ore del mattino. Alcuni clienti arrivano all'apertura, alle 3 del mattino, e se ne vanno subito per evitare il traffico".

Secondo Vincent, i clienti non verranno a Rungis poiché il consumatore finale non va nei negozi o nei mercati a causa di scioperi e problemi ai trasporti, ma anche a causa del clima. "E' per via dello sciopero, ma anche il tempo ha un ruolo importante. Fa freddo ed è umido, ci sono allagamenti in molte regioni della Francia, quindi le persone non vanno molto al mercato. Pertanto, i clienti acquistano meno. Anche i fornitori sono scontenti della situazione perché la merce non si vende più velocemente. La consegna è inoltre difficile da quando le strade sono bloccate".

I negozi parigini hanno registrato conseguenze
Un altro grossista di Rungis riferisce che l'impatto è particolarmente forte per i negozi parigini. "Molti dei nostri clienti hanno sede nei quartieri più belli di Parigi, dove sono i manifestanti, quindi non è possibile trasportare i prodotti. I miei clienti hanno avuto un brutto weekend e si preoccupano dell'offerta per le vacanze di Natale".

Il grossista aggiunge che i consumatori non possono circolare a Parigi per fare la spesa. "Coloro che hanno le auto vanno fuori Parigi. Pertanto, l'attività dei nostri clienti al di fuori di Parigi è piuttosto dinamica. In periferia, alcuni negozi funzionano anche molto più del solito".

Prezzi in calo
"A Rungis l'atmosfera è cupa", riferisce un esportatore olandese. "Gli scioperi durano da 13 giorni. L'attività sui mercati e nella ristorazione è molto calma, con ripercussioni sui grossisti. Il mercato di Rungis non è affatto dinamico e ci sono pochissimi acquirenti per via del minor consumo; il prezzo della merce flette, al fine di cercare di vendere le scorte".

"Per i grossisti, la situazione è molto difficile. In questo periodo, alcuni di loro hanno visto diminuire i profitti del 50%, mentre di solito i consumi dovrebbero essere dinamici prima delle vacanze".

Le proteste dovrebbero continuare a Parigi e in tutta la Francia, anche dopo le feste.


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto