L'Islanda produrra' verdura e papaya in serre riscaldate da geyser e luci a led

L'Islanda si dà alla coltivazione della frutta tropicale: la latitudine non gioca a favore, ma grazie ai geyser e all'energia geotermica presto ci sarà la papaya islandese. Sembra quasi un paradosso che in quelle gelide lande possa crescere frutta esotica, ma le serre tecnologiche e l'abbondante calore disponibile nel sottosuolo compensano il clima sfavorevole.

Nei giorni scorsi, come ha riportato la stampa islandese, è stato presentato un progetto per realizzare 50 ettari di serre per la coltivazione biologica di prodotti ortofrutticoli. L'iniziativa è portata avanti dall'azienda Paradise Farms, in accordo con il municipio di Olfus, piccola realtà nel Sud dell'Islanda. L'obiettivo è produrre in prima battuta pomodori, lattughe, peperoni e altri ortaggi; ma non appena il modello produttivo sarà rodato l'idea è quella di sviluppare anche la produzione di frutta tropicale: papaya, mango, avocado e banane.

Clicca qui per leggere di più.

Fonte: Italia Oggi


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto

State utilizzando un software che blocca le nostre pubblicità (cosiddetto adblocker).

Dato che forniamo le notizie gratuitamente, contiamo sui ricavi dei nostri banner. Vi preghiamo quindi di disabilitare il vostro software di disabilitazione dei banner e di ricaricare la pagina per continuare a utilizzare questo sito.
Grazie!

Clicca qui per una guida alla disattivazione del tuo sistema software che blocca le inserzioni pubblicitarie.