L'eccellenza nel segmento dei miniplum si chiama Pakyta

Se il Piccadillly può dirsi una pietra miliare nel panorama dei miniplum, divenendo sinonimo di una tipologia di pomodoro, Pakyta ne raccoglie l'eredità con il vantaggio di alcuni miglioramenti sul piano genetico.

Come il Piccadilly, Pakyta oggi è un riferimento commerciale assoluto e affidabile tra la moltitudine di varietà proposte dal mercato, che puntano sulla produttività ma che sacrificano alcuni fattori fondamentali per il produttore, il commerciante e la distribuzione, quali la shelf life, caratteristiche organolettiche costanti e soprattutto il gusto.

Pakyta, la pianta
Pakyta si presenta con una pianta rustica e produttiva, si adatta a tutti i periodi e le situazioni di coltivazione ed è resistente al TYLCV. Il grappolo è regolare, elegante e a spina di pesce, mentre i frutti sono di aspetto armonico, con un peso di 35-40 g; di colore rosso acceso. Questo miniplum, inoltre, ha un'elevata resistenza alle spaccature e una polpa croccante e sapida.

Syngenta, come noto, vanta una grande esperienza nel campo dell'innovazione, specialmente nel settore delle sementi orticole sviluppate in Sicilia e dedicate al mercato italiano e internazionale. Grazie, infatti, alla stazione di ricerca di Acate (RG), territorio tra i più vocati d'Europa, l'azienda sementiera è in grado di fornire risposte alle esigenze del mercato, ma anche di anticiparle e di creare nuove tendenze di consumo.

Pakyta, in tal senso, rappresenta sicurezza, affidabilità e si distingue specialmente per il suo gusto. Qui, risulta estremamente interessante la testimonianza di una nota azienda di produzione e commercializzazione, quale l'Azienda Agricola Tre.C, situata anch'essa nel territorio di Acate.

Videointervista a Concetta Celeste, responsabile commerciale dell'Azienda Agricola Tre.C.

Qualità e tenuta, un binomio vincente
Alla Tre.C, proprio per indicare gli elementi più idonei per assolvere alle esigenze dei mercati, il leitmotiv è fornito da un binomio: qualità/tenuta. Da una parte, dunque, il prodotto ricalca le richieste del consumatore con un prodotto buono e accattivante, dall'altra soddisfa le caratteristiche utili al produttore e alla GDO, con un'ottima tenuta sulla pianta, in post raccolta, e un ottimo indice di riconoscibilità e gradimento del prodotto a scaffale. Quindi è facile comprendere che la validità di un prodotto come Pakyta riesce a chiudere il cerchio dell'intera filiera.

E' evidente che, come nel caso di Pakyta, la forte e storica propensione alla Ricerca & Sviluppo e la capacità di interazione con i singoli componenti della filiera ortofrutticola, forniscono a Syngenta gli strumenti per collaborare con le aziende sul campo, instaurando partnership durature e proficue.

Syngenta è anche molto altro, in tema di pomodoro
"Abbiamo infatti fatto la storia su questa coltura, lanciando sul mercato varietà di successo, come Piccadilly, una varietà che ha persino dato il nome a una tipologia molto nota e apprezzata - ha detto Bruno Busin, Product Specialist Solanacee di Syngenta Italia - Abbiamo investito per primi nello sviluppo di una gamma completa per colore e tipologia di prodotto dei pomodori colorati e, sempre per primi, abbiamo investito in ricerca e tutela di un prodotto tipico della tradizione italiana come il Cuore di Bue".

"Un ulteriore esempio della nostra storicità nel campo delle colture orticole e del nostro focus al mercato è rappresentato dal progetto iLcamone, quello vero, avviato nel 2018 e che dimostra il nostro impegno nella valorizzazione delle eccellenze italiane su questa coltura principe", ha concluso il manager.

Contatti:
Bruno Busin – Product Specialist Solanacee Syngenta Italia S.p.A
Email: bruno.busin@syngenta.com


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto