La stagione peggiore nella storia per gli agrumi turchi

La stagione del limone turco non sembra essere proficua quanto alcuni coltivatori volevano far credere. La combinazione di una forte rivalità fra esportatori turchi e la flessione valutaria della Lira turca ha reso la situazione molto delicata. Il fatto poi che il calibro dei limoni sia abbastanza modesto, di certo non aiuta.

La stagione del limone turco è in corso da un po' ormai, essendo cominciata intorno al 20 agosto. Secondo Mustafa Arslan, responsabile dei rapporti con i mercati esteri per MDA Agricultural Products (MDA), la campagna è partita ottimamente, ma ha subito una rapida trasformazione: "Intorno alla metà di settembre, i prezzi hanno cominciato a ridursi di settimana in settimana, per via del calibro piccolo e della scarsa ricettività sul mercato. In verità, è che c'è una grande competizione fra esportatori turchi".

"Quando, il 20 settembre, abbiamo iniziato con la varietà Interdonato, abbiamo affrontato la stessa situazione. All'inizio i prezzi erano buoni, c'era una buona domanda. Tuttavia ,per qualche ragione gli esportatori turchi hanno cominciato a ridurre le quotazioni, mentre il valore dell'Euro e del Dollaro aumentava. Gli esportatori pensano di continuare a ridurre i prezzi proprio mentre la nostra moneta fatica, solo per essere più competitivi" ha detto Arslan. "Certamente, a un determinato punto il Dollaro e l'Euro sono calati di nuovo, ma i nostri prezzi sono rimasti gli stessi. Praticamente perdiamo tra 1.000 e 1.300 dollari (882-1147 euro) per ogni camion che spediamo. E non solo per quanto riguarda i limoni, succede lo stesso anche con mandarini, arance e pompelmi. Direi che questa sia la peggiore stagione che si ricordi".

La situazione porta Arslan a guardare avanti, verso la prossima campagna. Nonostante MDA normalmente esporti verso i Balcani e in Europa orientale e occidentale, ora l'azienda sta cercando nuovi mercati. "Vorremmo arrivare al mercato arabo e all'Estremo Oriente nella prossima stagione, perché ogni anno diventa più difficile vendere. Inoltre, la richiesta generale in Europa e nei Balcani diminuisce ogni anno. Quindi non abbiamo altra scelta che rafforzare la nostra attività nei paesi dell'Estremo Oriente", ha affermato Arslan.

Con la maggioranza di Paesi produttori di limoni che guardano alla Spagna come avversario principale, Arslan ritiene che ciò non sia rilevante per gli esportatori turchi. "La Spagna non è un nostro rivale, perché in Turchia i nostri esportatori competono solo con altri esportatori turchi. I prodotti spagnoli sono sempre migliori dei nostri. Loro fanno un ottimo lavoro, grazie a un'adeguata commercializzazione. Dalla prospettiva turca, l'unico tipo di strategia che conosciamo è abbassare i nostri prezzi: scarse vendite, mediocre qualità e commissioni stanno uccidendo il nostro mercato".

"Per esempio in Polonia e nei Paesi Bassi i prezzi sono molto più bassi di quelli di esportazione in Turchia. Dobbiamo costruire un nuovo modello commerciale, una nuova associazione di esportatori per controllare la qualità del prodotto e dell'imballaggio in tutte le fasi. Solo così, forse, un giorno saremo in grado di competere con la Spagna nel modo giusto".

Un aspetto che potrebbe aiutare la Turchia a riprendersi in questa stagione potrebbe essere il calibro dei limoni. Come il Messico e la Spagna, i limoni turchi sono partiti con dimensioni piuttosto piccole, quest'anno, con conseguente calo drastico dei prezzi. "Tuttavia, al momento, abbiamo dei buoni calibri. La maggior parte dei frutti ha un calibro 3, 4 o 5", ha concluso Arslan.

Per maggiori informazioni:
Mustafa Arslan
MDA Agricultural Products
Cell.: +90 541 348 39 09
Email: mustafa@mda-agro.com  
Web: www.mda-agro.com


Data di pubblicazione :
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto