La testimonianza della colombiana Arcángel Miguel International

Previsto un buon mercato per l'avocado in Europa fino alle feste

"Il mercato europeo dell'avocado si sta lentamente riprendendo dai prezzi molto bassi di quest’estate. La stagione peruviana ha raggiunto il suo termine e gli avocado dal Sudafrica stanno lasciando il mercato allo stesso modo. Ci aspettiamo che entro una settimana o due, i prezzi aumentino. Questo è il momento del Cile, della Spagna e della Colombia di entrare nel mercato. Fortunatamente per noi, il Cile ha altre importanti destinazioni di esportazione, il che determina un'offerta cilena non esagerata. La Spagna è più vicina, quindi è più flessibile su quando vendere la propria frutta" ha spiegato Cesar Paolini dell'azienda colombiana Arcángel Miguel International, che si occupa di produzione ed esportazione.

Paolini prevede che il mercato sarà buono fino alle festività, seguito da due settimane di domanda più scarsa dopo Natale e nella prima settimana di gennaio. "Ciò non è insolito, le persone spendono un sacco di soldi durante le feste e hanno meno disponibilità dopo Natale. Di solito osserviamo una richiesta inferiore durante quelle due settimane".

Espandendo i mercati d’esportazione
Al momento l'azienda esporta in Regno Unito, Germania e Paesi Bassi. "La nostra attenzione al momento è completamente sull'Europa. Comunque, poiché il mercato dell'Arabia Saudita si è aperto e ha iniziato a ricevere l'offerta colombiana, stiamo esaminando anche questo mercato, che risulta interessante con prezzi elevati. Siccome è un mercato nuovo, ci sono ancora delle opportunità per noi".

"Stiamo valutando le possibilità di esportare negli Stati Uniti. Crediamo che durante l’anno ci siano un paio di lacune nell'offerta, il che dà alla Colombia l’opportunità di spedire alcune quantità. E' da almeno un anno adesso che il mercato è aperto per gli avocado colombiani. Comunque ci sono ancora molte restrizioni, che rendono il mercato particolarmente difficile per gli esportatori. In parte è dovuto a restrizioni, ma anche ai prezzi che non sono stati ottimi nel mercato statunitense" ha continuato Cesar. Lui spera che quando la Colombia avrà dimostrato la sua potenzialità, le restrizioni si attenueranno e sarà più facile esportare avocado.

L'offerta di avocado colombiani
Cesar ha spiegato che c'è stata una grande crescita nella produzione di avocado. "La qualità è migliore e il Paese cresce. Siamo ancora nuovi nella produzione di avocado, ma la Colombia ha il vantaggio di essere vicina all'equatore. Questo significa che non necessitiamo di irrigazione nei nostri campi. E' una benedizione, ma certe volte anche una sfida perché non possiamo controllare il clima".

"In generale gli avocado colombiani sono venduti a un prezzo inferiore rispetto a quelli di altra origine. Questo è dovuto al fatto che il nostro avocado non è conosciuto come quello di produttori tradizionali come Messico, Cile o Spagna" ha affermato Cesar.

Zona di libero scambio
L'azienda ha comprato la sua terra tre anni fa e ha iniziato a piantare due anni fa. In totale conta 200 ettari di avocado Hass. "Situata nella regione tradizionale di produzione del caffè, risulta essere un terreno molto fertile. Ci concentriamo sull'avocado Hass convenzionale, poiché è difficile produrne di completamente biologici nella nostra zona climatica. Oltre alla produzione di avocado, abbiamo anche 17 ettari di frutto della passione viola".

"Avevamo necessità di confezionare la nostra stessa frutta, così abbiamo deciso di costruire un centro d'imballaggio a Quindio. Quest'ultimo è stato aperto un mese fa e conta 2400 mq. Possiamo immagazzinare fino a 15 container allo stesso tempo. Oltre a ciò, il centro d'imballaggio è situato nella zona di libero scambio, il che significa un grande risparmio per noi e per gli altri produttori. Gli altri produttori sono interessati a confezionare nel nostro impianto perché è vicino; sono perciò in grado di essere presenti e controllare maggiormente. Oltretutto risparmiamo su costi di trasporto e d’imballaggio, per esempio".

Un'altra cosa buona riguardo alla zona di libero scambio è che c’è un controllo severo su tutto quello che arriva e parte. "Ciò significa che c’è un buon controllo su contaminazioni di sostanze stupefacenti, uno dei problemi che abbiamo nel nostro paese" ha concluso.

Per maggiori informazioni: 
Cesar Paolini
Arcángel Miguel International
Colombia
Tel.: +1 7862235897
Email: cpaolini@passionforfruitinc.com


Data di pubblicazione :
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2018