Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Guarda il reportage fotografico

Visita ai coltivatori francesi di kiwi e actinidia arguta

La stagione dei kiwi francesi è iniziata. "Si tratta di un prodotto di alta qualità. Ai consumatori piace molto" ha riportato Adeline Gachein della B.I.K. (Bureau National Interprofessionnel du Kiwi), l'organizzazione di interesse nazionale del settore del kiwi. Dopo le mele, i kiwi sono i frutti francesi più esportati.

Esportazione in Canada
La cooperativa dei coltivatori francesi Primland commercializza kiwi e actinidia arguta di 220 coltivatori, operanti insieme su 745 ettari. Nel 2017, la cooperativa ha aperto una filiale a Toronto. François Lafitte, presidente della Primland ha dichiarato: "Dal 1991, esportiamo i kiwi in Canada, ma per la concorrenza italiana e greca più vantaggiosa, l'esportazione è calata. Oggi il Canada fornisce anche prodotti di prestigio, come il prodotto francese certificato Label Rouge, e abbiamo creato una buona rete con gli importatori. I nostri kiwi Oscar a novembre saranno di nuovo sul mercato canadese".

Clicca qui per il reportage fotografico realizzato durante la visita a Primland

Ontario contro Québec
La Primland sta anche cercando di raggiungere i consumatori canadesi con i kiwiberry (actinidia arguta) francesi. François Lafitte ha sottolineato: "Hanno successo in Ontario, ma non in Québec. Penso che questo sia dovuto alla differenza nella popolazione. Gli asiatici e gli indiani vivono principalmente in Ontario e hanno maggiori probabilità di acquistare kiwiberry rispetto a quelli che vivono nel Québec".

I consumatori cinesi preferiscono i frutti francesi
La maggior parte dei kiwi francesi vengono esportati in altri Paesi europei e in Asia. "Molti consumatori cinesi preferiscono mangiare i kiwi francesi anziché quelli cinesi, perché la Cina consente un maggior uso di fitofarmaci - ha dichiarato Adeline Gachein - I kiwi francesi sono rigorosamente regolamentati". La sfida più grande per i produttori di kiwi rimane il cancro batterico causato da Pseudomonas Syringae pv. Actinidia. In Europa non siamo autorizzati al trattamento con antibiotici, abbiamo altre tecniche per affrontare questo problema".

Un ambiente specifico
Tre quarti della produzione di kiwi francesi si trova nel sud-ovest del Paese. "La maggior parte dei kiwi francesi  - ha detto Gachein  -cresce vicino ai fiumi, dove il terreno è particolarmente adatto alla loro coltivazione".

Almeno cinque chili di resa
Il coltivatore di kiwi della Primland, François Idiart, coltiva i suoi kiwi su una piccola isola sul fiume Gave d'Oloron. Alcuni dei suoi alberi hanno 40 anni. "Una pianta deve essere in grado di produrre almeno cinque chili di frutti per essere redditizia. Finché un albero riesce a gestire questa produzione, continueremo a lavorarci".

Clicca qui per il reportage fotografico realizzato durante la visita a PrimlandIdiart va con la sua auto sull'isola dove coltiva i kiwi, ma questo comporta trasbordi ad hoc.

Una passeggiata in un frutteto

Calo del numero di lavoratori stagionali
Sebbene Idiart non si lamenti del numero dei lavoratori, ne registra una flessione. "Avevamo molte più richieste. Fortunatamente, siamo ancora in grado di occupare tutti i posti con i lavoratori regionali".

Clicca qui per il reportage fotografico realizzato durante la visita a PrimlandFrançois Idiart mostra con orgoglio i suoi kiwi

Oltre ai kiwi, Idiart produce anche kiwiberry. "La raccolta di actinidia arguta e dei kiwi avviene una dopo l'altra, il che ci consente di raccogliere i frutti nel momento migliore, dal punto di vista della qualità, senza un sovraccarico di lavoro".

Investimenti importanti
Secondo Lafitte, i produttori di kiwiberry si aspettano molto da questo prodotto. "La Primland ha investito tanto nella commercializzazione di actinidia arguta. I produttori sono a loro volta desiderosi di fornire al consumatore un prodotto di qualità".

Anche i frutti del coltivatore Jean-Louis Tissier sono associati alla Primland. Proprio come François Idiart, ha iniziato a coltivare kiwiberry per fornire lavoro tutto l'anno. Il suo primo raccolto risale al 2010. Come coltivatore di kiwi arguta, è necessario investire moltissimo nei sistemi antigelo. "Se i kiwiberry gelano, perdi l'intera raccolto".

Clicca qui per il reportage fotografico realizzato durante la visita a PrimlandJean-Louis Tissier tra gli alberi della Nergi, nel villaggio di Lahontan, nel sud della Francia. Coltiva anche altri prodotti, come mele e mais.

La raccolta è finita, ma Jean-Louis riesce a trovare un kiwiberry dimenticato su un albero.

Investire nel settore della trasformazione
I kiwiberry sono commercializzati dalla Primland a marchio Nergi. E' un prodotto sensibile, di alta qualità, ma parte del raccolto non soddisfa i requisiti per la vendita sul mercato del fresco. Ecco perché la Primland sta investendo nella trasformazione. "Non ci sono ancora prodotti trasformati Nergi" ha spiegato Lafitte.

In questo momento, la Primland sta testando vari prodotti, come succo, conserva e gelato. Lafitte ha concluso: "Il vantaggio dell'actinidia arguta è quello di essere un frutto molto dolce, quindi non si deve aggiungere molto zucchero al prodotto lavorato".

Clicca qui per il reportage fotografico realizzato durante la visita a PrimlandSucco e conserva di kiwiberry.

Fatti e cifre
La Francia è il settimo produttore di kiwi al mondo. Le aree di produzione più importanti si trovano nel sud-ovest e nel sud-est del Paese. Il 90% della produzione riguarda la varietà Hayward. L'altro 10% sono kiwi Summer, a polpa gialla e kiwiberry. La stagione dei kiwi francesi dura fino a maggio.

Per maggiori informazioni: 
Interfel
Daniel Soares - d.soares@interfel.com 
Marion Kukulski - m.kukulski@interfel.com
Web: www.interfel.com

B.I.K. (Bureau National Interprofessionnel du Kiwi)
Adeline Gachein
Email: adeline.gachein@kiwidefrance.fr


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto