Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Potenziale interesse della Cina per le mele polacche

Recentemente, le mele polacche sono state oggetto di notizie negative sui media: dalla manodopera costosa ai mercati di esportazione deludenti e persino agli sprechi di produzione. Alcune di queste notizie sono esagerate, secondo Michał Glijer di Grupa Sad Export, specialmente nel caso del mercato cinese.

L'accordo per il quale la Cina avrebbe ritirato grandi volumi di mele polacche è partito nel 2016. Molto è andato storto in questa stagione, secondo Glijer: "Le pratiche burocratiche non erano in ordine, la Polonia pensava di poter iniziare le spedizioni subito dopo l’inizio della stagione. Avevamo le mele in magazzino, eravamo in attesa che venissero esportate in Cina, ma in realtà fino a metà dicembre e anche all'inizio del 2017, non è successo nulla".

Alcune aziende avevano anche problemi logistici. I clienti volevano le mele, ma poiché erano vicini alla zona centrale della Cina, i frutti dovevano raggiungere prima il porto della costa orientale, per poi percorrere altri 1.500 km fino a destinazione. Quando finalmente sono arrivate, la qualità non era ovviamente la stessa. La seconda stagione non è andata molto meglio, anche se non è stata colpa della Cina. "Nella seconda stagione, la Polonia non aveva i volumi e la qualità richiesti, a causa delle gelate primaverili".

Le due stagioni consecutive e infruttuose hanno portato alla diffusione di notizie negative sulle esportazioni di mele polacche in Cina. "E' stata una sfortuna, in quanto la stagione in corso è molto buona, per quanto riguarda qualità e quantità. Molti coltivatori hanno rinunciato al processo di certificazione del frutteto, che richiede molto tempo ed è a carico degli esportatori. Ma senza la certificazione, l'esportazione in Cina non è possibile".

"Abbiamo accumulato certificati che coprono oltre 6.000 ton e crediamo che solo dopo questa stagione potremo valutare l'esportazione di mele in Cina - ha continuato Glijer - A causa della perdita di circa il 30% dei frutti, è naturale che l'interesse della Cina per le mele polacche aumenterà solo nei prossimi mesi. Non dimentichiamo, poi, la grande guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina. Tutto ciò rende le nostre mele più attraenti sul mercato. Abbiamo avuto delegazioni di diversi acquirenti dalla Cina e hanno tutti assaporato la qualità delle mele polacche e ne sono rimasti molto soddisfatti. Una volta consegnate le prime spedizioni, dimostreremo l'esagerazione quando si parla della riluttanza della Cina a comprare le nostre mele".

Per maggiori informazioni:
Michał Glijer 
Grupa Sad Export
Cell.: +48 507 091 677 
Email: michal.glijer@grupasadexport.pl 
Web: www.GrupaSadExport.pl 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto