Etichetta alimenti: da oggi in vigore le norme sulle informazioni nutrizionali

E' entrato completamente in vigore oggi, 13 dicembre 2016, il pacchetto di norme previste dal Regolamento (UE) n. 1169/2011 relativo alle informazioni fornite ai consumatori sugli alimenti.

E' scattato l'obbligo della dichiarazione nutrizionale sull'etichetta degli alimenti che si applica a tutti i prodotti confezionati che da ora devono indicare anche le informazioni relative a: valore energetico, quantità di grassi (di cui gli acidi grassi saturi), carboidrati (di cui gli zuccheri), proteine e sodio, espressi per 100 grammi o 100 millilitri di prodotto, e facoltativamente anche per porzione.


(Foto: www.firenzepost.it)

Il Regolamento (UE) n. 1169/2011 è diventato operativo il 13 dicembre 2014. A due anni di distanza c'è l'obbligo di fornire le informazioni nutritive dei prodotti.

L'etichetta è considerata un elemento rilevante di trasparenza da parte dei consumatori italiani; nel 96% dei casi dichiarano che è molto importante che sia riportata in modo chiaro e leggibile l'origine dell'alimento e per l'84% è fondamentale sia indicato anche il luogo in cui è avvenuto il processo di trasformazione. Così Coldiretti, elaborando i dati della consultazione online del Ministero delle Politiche Agricole.
 
Il regolamento comunitario 1169/2011 prevede anche alcune esenzioni dall'obbligo della dichiarazione nutrizionale:
  • i prodotti non trasformati che comprendono un solo ingrediente o una sola categoria di ingredienti; rientrano in questa categoria, ad esempio, gli ortofrutticoli di III gamma (frutta e verdure surgelate) e quelli di IV gamma (ortofrutta fresca, lavata, confezionata e pronta al consumo) che non hanno subito alcun trattamento o alcuna aggiunta di ingredienti all'infuori della stessa categoria, ortaggi o frutta, ad esempio un mix di ortaggi freschi lavati, tagliati e confezionati o anche surgelati;
  • i prodotti trasformati che sono stati sottoposti unicamente a maturazione e che comprendono un solo ingrediente o una sola categoria di ingredienti; rientra in questa categoria, ad esempio, l'uva passa;
  • le piante aromatiche, le spezie o le loro miscele;
  • gli alimenti confezionati in imballaggi o contenitori la cui superficie maggiore misura meno di 25 cm quadrati;
  • gli alimenti anche confezionati in maniera artigianale, forniti direttamente dal fabbricante di piccole quantità di prodotti al consumatore finale o a strutture locali di vendita al dettaglio che forniscono direttamente al consumatore finale.
I commenti del settore
Federconsumatori e Adusbef accolgono positivamente l'entrata in vigore di questa norma. "Un consumatore informato è anche un consumatore consapevole e meno esposto a rischi, truffe e raggiri - sostengono Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, presidenti di Federconsumatori e Adusbef - L'etichetta deve riportare il maggior numero possibile di informazioni, poiché sapere da dove provengono e cosa contengono i beni che acquistiamo è un nostro diritto inviolabile, soprattutto se si tratta di prodotti alimentari".

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto

State utilizzando un software che blocca le nostre pubblicità (cosiddetto adblocker).

Dato che forniamo le notizie gratuitamente, contiamo sui ricavi dei nostri banner. Vi preghiamo quindi di disabilitare il vostro software di disabilitazione dei banner e di ricaricare la pagina per continuare a utilizzare questo sito.
Grazie!

Clicca qui per una guida alla disattivazione del tuo sistema software che blocca le inserzioni pubblicitarie.