Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Inea: nel 2011 il valore della produzione agricola è stato di 51,8 miliardi di euro (+6, 4%)

Il valore della produzione della branca agricoltura, silvicoltura e pesca, nel 2011, in Italia ha raggiunto i 51,8 miliardi di euro correnti (+6,4% rispetto all'anno precedente), attribuibile a un nuovo e più consistente rialzo dei prezzi (+6,8% per le materie agricole di base), mentre la produzione in termini reali è rimasta immutata. In particolare l'agricoltura in senso stretto ha mostrato una maggiore variazione di segno positivo (+7,2%), con una produzione di 49,2 miliardi di euro correnti, proveniente per il 53,3% dal comparto delle coltivazioni agricole, per il 33,1% dagli allevamenti e per il 12,5% dalle attività di supporto all'agricoltura.

E' quanto emerge dall'Annuario dell'agricoltura italiana, che sarà presentato dall'Inea, a Roma oggi, 20 dicembre 2012, alle ore 11:30, presso la Sala del Parlamentino delle foreste, Corpo forestale dello Stato, Via Giosuè Carducci, 5.

Il rallentamento della domanda mondiale e l'impennata dei prezzi ha comportato per il terzo anno consecutivo un peggioramento del saldo commerciale dell'agro-alimentare, con il deficit che è passato da 7.382 a 9.092 milioni di euro, con un significativo aumento dell'import di prodotti agroalimentari (+11,5%), ed uno più limitato dell'export (+8,5%). L'aumento delle importazioni è stato determinato da un incremento dei valori medi unitari (+10%), dovuto alla nuova ascesa dei prezzi internazionali delle principali commodity agricole, registrata almeno fino alla metà del 2011, di contro ad un lieve incremento dei volumi (+1,4%). Le attività di diversificazione delle aziende agricole censite nel 2010 sono state 98.839, relative a 76.148 aziende pari al 4,7% del totale.

In ambito energetico i dati provvisori sul 2011 evidenziano una contrazione dei consumi nazionali globali di energia (-2%), favorita dall'acuirsi della crisi economica, dal clima particolarmente mite e dall'attuazione di misure di efficienza energetica. Cresce la domanda interna dei prodotti biologici, a cui non segue però un'adeguata risposta dal settore produttivo, data la sostanziale stabilità delle superfici investite, poco più di 1 milione di ettari al 2011 (-1,5% all'anno precedente). La superficie investita è pari all'8,5% della SAU nazionale, distribuita nelle regioni settentrionali (3,6%) e nel Centro e nelle Isole (12%). La base produttiva (produttori, allevamenti, trasformatori e impianti) resta attestata prevalentemente nel Nord, ma nel 2011 i maggiori incrementi sono stati registrati nelle regioni meridionali.

L'Italia, in termini di qualità e tutela dei prodotti agroalimentari, continua a detenere il primato comunitario delle DOP e IGP, giunte a quota 244, oltre il 22% sull'intero registro UE, ripartite nei prodotti dell'ortofrutta e dei cereali (quasi 40%), nei formaggi (18%) negli oli extra vergine d'oliva (18%) e nei salumi (circa 14%). In particolare il comparto vinicolo registra 73 DOCG, 330 DOC e 118 IGT. La superficie investita a DOC e IGT rappresenta in Italia oltre il 70% dell'intera superficie vitata.

E' pari a poco più di 780 milioni di euro (2010) l'entità complessiva della spesa italiana, pubblica e privata, per ricerca e sviluppo nel settore agroalimentare, corrispondente al 4% del totale, quota significativa tenuto conto del fatto che nello stesso anno il peso del sistema agro-alimentare nazionale sul PIL è stato pari al 3,3%, sebbene gli investimenti nel sistema agro-industriale siano di norma inferiori a quelli del sistema delle imprese in altri settori.

"Come di consueto - spiega il Presidente dell'Inea, Tiziano Zigiotto - l'Annuario dell'agricoltura italiana presenta, al fianco degli andamenti delle principali componenti del sistema agroalimentare, analisi più originali sui temi della multifunzionalità, delle certificazioni, dello sviluppo sostenibile e della green economy. Giunto ormai alla LXV edizione, l'Annuario Inea è il frutto della collaborazione di oltre 50 esperti e di numerose istituzione, che forniscono dati e informazioni, consentendo di realizzare un importante strumento conoscitivo insostituibile per ricchezza e molteplicità di spunti per chi opera nel settore".

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto