Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

La produzione di mele, pere e uva in Cina: alcuni dati su volumi, areale e import/export

La produzione di mele cinesi prevista per la stagione 2011/12 dovrebbe raggiungere i 35 milioni di tonnellate. Si tratta del 5% in più rispetto allo scorso anno. La maggior parte dei produttori fa sapere che avrà una resa maggiore. Anche l'areale è aumentato del 3% rispetto allo scorso anno e si coltivano 2,2 milioni di ettari.

L'ampliamento di areale ha avuto luogo in particolare nelle province occidentali di Shaanxi, Gansu, Xinjiang e Ningxia, dove il terreno è adatto alla coltivazione e i costi di manodopera sono più contenuti rispetto alle province orientali. Qui si scelgono infatti colture più redditizie come le ciliegie.

Della produzione totale di mele, il 70% è rappresentato da mele Fuji, il restante 30% dalle varietà Guoguang, Gala, Red Delicious, Qingguan, e Meiba.

La Cina prevede di importare 80.000 ton di mele nella stagione 2011/12. La frutta arriva soprattutto da Cile e Stati Uniti. L'export dovrebbe leggermente aumentare, poiché la domanda di mele di classe più bassa è in rialzo. Queste mele sono destinate principalmente alla Russia e ai paesi del sud-est asiatico.

Pere
La produzione cinese di pere nella stagione 2011/12 dovrebbe raggiungere i 15,6 milioni di ton, il 4% in più rispetto ai 15 milioni di ton dell'annata precedente. La maggiore produzione si deve in particolare al clima favorevole nei principali territori di produzione. L'areale è leggermente diminuito raggiungendo i 1,05 milioni di ettari.

Anche per questo frutto si registra un passaggio a varietà frutticole più redditizie quali uva, ciliegie e nettarine. Le varietà di pera coltivate in Cina sono Sur, Ya, Snow, Jianbai, Cuiguan, Fengshui, Golden, Nanguo e Fragrant.

L'import di pere è aumentato significativamente dopo gli accordi con il Belgio. Per la stagione 2011/12 si prevede di importare il 46% in più rispetto allo scorso anno. L'export di pere diminuirà invece del 5%. Il prezzo di esportazione attuale è di 657 dollari per tonnellata, un aumento del 20% rispetto a un anno fa.

Uva
Per la produzione di uva nella stagione cinese 2011/12 si prevede un aumento dell'8% rispetto allo scorso anno. In particolare ciò si deve all'ampliamento dell'areale (+9%) che ha raggiunto i 600.000 ettari. Questo aumento di areale ha avuto luogo principalmente nelle province di Xinjiang, Hebei, Zhejiang, Gansu, Shaanxi, e Guangxi. Parte delle uve viene coltivata anche in serra.

Nella stagione 2011/12, la Cina prevede di importare il 27% in più di uva, a causa della forte domanda di prodotto fuori stagione. Durante i festeggiamenti del Capodanno cinese (23 gennaio 2012) saranno disponibili uve dell'emisfero sud del mondo. Il Cile rimane il principale esportatore di uva per la Cina, seguito da Stati Uniti e Perù.

Anche le esportazioni aumenteranno del 30% nella stagione 2011/12, principalmente a causa della forte domanda da parte della Russia e dei vicini paesi asiatici, e dei migliorati standard in termini di qualità, produzione, stoccaggio refrigerato e sistema di distribuzione.

Fonte: ASDA report China Fresh Decidious Fruit Annual

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto