Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Con reportage fotografico di 80 immagini

Il segreto delle mele della Val Venosta sta nella loro lenta maturazione



Ai primi di settembre 2009, FreshPlaza si è recata in visita presso la VIP - Associazione delle Cooperative Ortofrutticole della Val Venosta (Alto Adige), dove ha assistito alle prime operazioni di raccolta delle mele, produzione regina del territorio. Nell'occasione, FreshPlaza ha anche avuto accesso, sotto la guida di Michael Grasser, direttore marketing di VIP, ad uno dei principali magazzini per il confezionamento del prodotto, nello specifico quello della MIVOR di Laces (BZ), la maggiore tra le sette cooperative aderenti alla VIP.

Clicca qui per accedere al reportage fotografico

Lo stabilimento della cooperativa MIVOR. (Foto: FreshPlaza Italia)

La Val Venosta (in tedesco Vinschgau) è una valle dell'Alto Adige occidentale che dal Passo di Resia, dove sorge il fiume Adige, arriva fino alle porte di Merano, costituendo il lembo più occidentale della Provincia di Bolzano. Questa zona è quella con meno precipitazioni delle Alpi orientali. Proprio questa caratteristica, sommata alla costante presenza del sole e alle forti escursioni termiche tra il giorno e la notte, fa della Val Venosta l'habitat ideale per mele di elevata qualità.

Clicca qui per accedere al reportage fotografico

Mele Golden. (Foto: FreshPlaza Italia)

"La zona di produzione inizia ad un'altitudine di 500 metri e prosegue fino a circa 1.100 di quota - spiega Michael Grasser - La conformazione del territorio, il suo clima e l'ubicazione dei frutteti fanno sì che qui le mele crescano molto più lentamente che altrove. Il lungo processo di maturazione consente uno sviluppo compatto del tessuto cellulare, con impatti benefici sulla compattezza, croccantezza e conservabilità del prodotto".

Clicca qui per accedere al reportage fotografico

Mele Royal Gala del nuovo raccolto. (Foto: FreshPlaza Italia)

Per la stagione 2009/10, VIP Val Venosta prevede di produrre 320.000 tonnellate di mele, in crescita rispetto alle 311.000 del 2008/09 grazie ad un aumento delle superfici e della produttività. I frutti sulle piante si presentano di buon calibro e di ottima colorazione: le Royal Gala, prime mele ad essere raccolte a fine agosto, mostrano un bel grado di rosso, mentre le Golden Delicious (che rappresentano oltre il 60% della produzione totale di mele venostane) hanno sviluppato la cosiddetta "faccetta rossa", tratto distintivo di una qualità eccellente.

Clicca qui per accedere al reportage fotografico

Mele Golden Delicious del nuovo raccolto. (Foto: FreshPlaza Italia)

Il 6% della produzione melicola della Val Venosta proviene da agricoltura biologica e, con 20.000 tonnellate, il consorzio VIP è tra i primi produttori al mondo di mele bio, segmento composto per il 50% da mele Golden e per la restante parte da altre varietà che ben si prestano all'eliminazione degli agrofarmaci di sintesi nella coltivazione. Tutto il resto della produzione è comunque effettuata seguendo lo standard della lotta integrata a parassiti e fitopatie, cosa che consente un minore impiego di sostanze chimiche. Il simbolo della coccinella nel marchio della VIP - Val Venosta indica proprio questo approccio.

Clicca qui per accedere al reportage fotografico

Il laccetto rosso sulla pianta di melo è un dispenser di feromoni, sostanze che, imitando i segnali sessuali trasmessi dagli esemplari femmina di Carpocapsa, confondono i maschi e impediscono così l'accoppiamento e la riproduzione dei parassiti. (Foto: FreshPlaza Italia)

Da circa un anno, il consorzio VIP si è dotato di un sistema software in grado di comunicare in tempo reale a tutte le cooperative socie l'esito dei test periodici sulla rilevazione del grado di maturazione delle mele. Questo indicatore è estremamente importante per individuare il momento preciso nel quale effettuare la raccolta dei frutti.

Clicca qui per accedere al reportage fotografico

Idati delle misurazioni effettuate sui campioni prelevati nei diversiappezzamenti produttivi vengono organizzati in un grafico a barre,grazie ad un sistema software di recente introduzione. (Foto:FreshPlaza Italia).

Come spiega Michael Grasser: "Esiste uno stadio ideale di maturazione della mela che ne consente, dopo lo stacco dalla pianta, la massima conservabilità e la migliore resa in termini gustativi. Abbiamo parametrizzato tutte le variabili che ci consentono di determinare, in ciascuna delle nostre parcelle produttive, il momento perfetto per effettuare il raccolto. Grazie al nuovo software, tutti i dati sono disponibili in tempo reale per i nostri soci, che possono accedervi collegandosi ad una sezione dedicata del nostro sito web".

Contatti:
Michael Grasser
VI.P soc.coop.agr.
Via Centrale 1/c
39021 Laces (BZ)
www.vip.coop

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto