6 ottobre 2009

L'ortofrutta europea tutta riunita al Fruit Summit di Cesena



C'è grande attesa per il primo Summit Europeo della Frutta (European Fruit Summit) che si terrà il 6 ottobre 2009 in anteprima al MACFRUT di Cesena alle ore 10:00 - Sala Europa.

Il Convegno, aperto a tutti previa iscrizione (clicca qui per la scheda di registrazione) sarà una occasione unica per poter discutere dei temi più attuali sull’ortofrutta europea.

Il Summit prenderà avvio con la presentazione da parte di CSO (Centro Servizi Ortofrutticoli) dei dati di consuntivo sulle produzioni primaverili estive, in particolare pesche, nettarine e fragole. I dati saranno poi commentati in chiave commerciale e tecnica da importanti operatori di settore nazionali e internazionali.

Alla sezione dedicata alle produzioni autunno invernali come mele, pere , kiwi e agrumi precederà una presentazione analitica dei dati previsionali cui seguirà una discussione che vedrà coinvolti i principali operatori.

Il Summit è una occasione unica per fare un'analisi approfondita e di prospettiva del settore ortofrutta in Europa.

La discussione sarà, senza dubbio, ricca di spunti importanti per tutti gli interessati ad approfondire i temi più attuali dell’ortofrutta: dalle strategie per incentivare i consumi, alle novità varietali, alle politiche di marca in Europa e nel mondo.

Per la prima volta l’Italia ospita un evento di importanza internazionale che vede confermato il ruolo di primo piano ricoperto dal nostro paese nella produzione di ortofrutta.

In termini quantitativi, in Europa si producono in media, secondo dati FAO, 73 milioni di tonnellate di frutta e 67 milioni di tonnellate di ortaggi e l’Italia si qualifica a tutti gli effetti come primo produttore di frutta e verdura d’Europa con una media totale di 18 milioni di tonnellate di frutta e 14 milioni di tonnellate di ortaggi. La Spagna contende la leadership italiana, sopravanzandola su alcuni prodotti come gli agrumi, dove rappresenta, secondo dati FAO, il 53% del totale europeo.

Ma il modello europeo si trova oggi sul mercato globale a competere con colossi della dimensione della Cina o con le produzioni elevatissime del Brasile. Le strategie dei singoli paesi produttori dovranno fare i conti con l’apertura di nuovi mercati conquistando spazi soprattutto per le produzioni autunno invernali, di più lunga conservazione.

L’apertura del mercato cinese per il kiwi italiano, ottenuta quest’anno, è un grande passo avanti così come lascia ben sperare l’ampliamento degli scambi commerciali ortofrutticoli verso la Russia.

Al Summit saranno presenti tra gli altri anche delegazioni di operatori di Giappone, Cina, Russia e Cile.

Clicca qui per scaricare la scheda di pre-registrazione (in formato .pdf).


Il Convegno è sponsorizzato da: Bestack

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto