Una soluzione contro la stanchezza del terreno

Rutigliano (BA): prima raccolta di uva Black Magic coltivata senza suolo

L'imprenditore Giannangelo Boccuzzi, che opera a Rutigliano (provincia di Bari) ha raccolto il 4 luglio 2011 un'ottima uva da tavola di varietà "Black Magic" da piante franche di piede coltivate senza suolo, in un terreno sul quale la vite si era succeduta a se stessa per decenni e per diversi cicli di produzione, con conseguenti problemi di stanchezza e di presenza di nematodi e virus.

L'attività legata all'innovazione di processo in oggetto è partita nel 2009 cogliendo l'opportunità offerta da un bando del Mipaaf per la selezione di progetti di ricerca e sperimentazione nel settore dell’agricoltura, proposti da giovani imprenditori agricoli con la collaborazione di Istituzioni pubbliche di ricerca.

L'attività in corso è finanziata dal progetto dal titolo "Coltivazione idroponica dell’uva da tavola: potenzialità per il futuro della coltura", in questo progetto l'istituzione pubblica di ricerca è rappresentata dal gruppo di ricerca del Dipartimento di Scienze Agro-Ambientali e Territoriali dell’Università degli Studi di Bari "Aldo Moro", in possesso del know how sulle colture fuori suolo.

Per l'imprenditore, la maggiore soddisfazione è di essere riuscito a coltivare la vite, con costi sostenibili, su una superficie che per la produzione dell’uva da tavola non era più utilizzabile; altro motivo di soddisfazione è quello di essere giunti a maturazione con l'uva da tavola precoce Black Magic, in anticipo rispetto ai vigneti coltivati tradizionalmente della zona.


Uva Black Magic coltivata in vaso. Foto scattata il 4 luglio 2011.

L'azienda in cui sono in corso le prove è ubicata a Rutigliano, fulcro della viticoltura meridionale in un'area caratterizzata da un microclima in cui vengono maggiormente esaltate le produzioni di epoca media e tardiva.

L'uva raccolta l'altro ieri ha un bell'aspetto, con colore e forma tipica della cultivar (vedi foto sopra) ed un tenore zuccherino di circa 15 gradi Brix. La produzione per pianta è stata in linea rispetto alle produzioni tipiche dei tendoni della zona ed ha superato le attese dell’imprenditore.

Per maggiori informazioni:
Dr Pietro Santamaria
Dipartimento di Scienze delle Produzioni Vegetali
Università degli Studi di Bari
Via Amendola, 165/A
70126 Bari
Tel.: (+39) 080 5443098/4
Fax: (+39) 080 5442976
Email: santamap@agr.uniba.it
Web: noria.ba.cnr.it
Web: www.ortaggipugliesi.it

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto