La raccolta dei cipollotti egiziani è stata ritardata a metà ottobre

Dovrebbe filare tutto liscio per i produttori di cipollotti in Egitto, secondo Nora Mohamed, responsabile commerciale dell'esportatore egiziano di prodotti ortofrutticoli freschi Skyline for Import and Export: "La stagione dei cipollotti è relativamente stabile, e non risente in modo significativo dei cambiamenti globali in termini di produzione e consumo. I tassi di produzione in Egitto hanno registrato un aumento negli anni scorsi. I cipollotti egiziani sono molto apprezzati nei Paesi europei. Quest'anno siamo riusciti a costruire buone relazioni e ad espandere le quantità esportate in diversi Paesi europei, come Inghilterra, Germania, Paesi Bassi, Austria e Francia".

La stagione scorsa si è protratta più a lungo di quanto inizialmente previsto e in questa stagione, a causa delle condizioni meteorologiche, la raccolta ha subito un leggero ritardo, secondo Mohamed. "In questa stagione pensiamo che i tassi di produzione si stabilizzeranno rispetto all'approccio precedente, senza un incremento evidente, soprattutto a causa del forte aumento di quest'anno dei costi di produzione e di spedizione. I cambiamenti climatici e la siccità hanno colpito duramente la stagione produttiva dei paesi europei. A causa del forte caldo, la produzione è stata compromessa e le quantità sono diminuite. Si è verificata anche una mancanza di manodopera, che ci ha spinto a continuare a esportare fino alla fine di luglio. È un fatto insolito, perché di solito la stagione termina a maggio. La domanda è iniziata a settembre dall'Inghilterra, ma a causa del clima la raccolta è stata ritardata. Infatti, il suo inizio era previsto per metà settembre, ma ora comincerà all'inizio di ottobre".

I cambiamenti climatici stanno modificando il panorama dei cipollotti, con uno spostamento delle tempistiche sia per l'Egitto che per i potenziali clienti. "Si prevede che la Germania e i Paesi Bassi inizieranno le loro stagioni in anticipo. Al momento c'è richiesta, contrariamente a quanto avviene di solito per questi Paesi che iniziano a ordinare le cipolle egiziane a metà novembre. I cambiamenti climatici in tutto il mondo hanno influenzato la stagione dei cipollotti, in quanto il periodo si è allungato fino a settembre e prosegue fino a luglio, coprendo la maggior parte dei mesi dell'anno".

Anche se la raccolta sta per iniziare, Mohamed sostiene che ancora non si è del tutto fuori pericolo: il clima potrebbe ancora influire sulla qualità delle cipolle prima del raccolto. "Inoltre, il clima può ancora avere un effetto in caso di alte e basse temperature durante la stagione, quindi stiamo adottando tutte le misure precauzionali per ridurre la gravità dell'impatto, oltre a piantare quantità aggiuntive e a diversificare i luoghi di coltivazione per garantire che la produzione non si fermi".

"Per Skyline abbiamo impostato i piani di produzione in modo da prevedere l'inizio dell'esportazione il primo ottobre verso il Regno Unito. Normalmente nazioni come la Germania, i Paesi Bassi e l'Austria si unirebbero qualche settimana dopo, ma dagli ultimi aggiornamenti anche questi Paesi dovrebbero aver iniziato entro il primo ottobre. In ogni caso, ci siamo preparati bene per questa eventualità e vedremo cosa succederà", conclude Mohamed.

Per maggiori informazioni:
Nora Mohamed
Skyline for Import and Export
Tel.: +201288018177
Email: nora@skyline-egy.com 
Web: www.skyline-egy.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto