Il fiduciario fallimentare Marc van Zanten sulla bancarotta di Levarht

"L'azienda è fallita in modo rapido dopo la moratoria"

È stato pubblicato il primo rapporto sul fallimento della Levarht. In precedenza, era stato reso noto che sono stati gli azionisti della Fruit Cleaning Service, una società olandese, ad aver acquistato il nome Levarht, i suoi marchi, l'avviamento dell'azienda e alcune delle macchine e dei materiali di imballaggio, per circa 2 milioni di euro (vedi news correlata).

Ora sembra che nessuno dei quasi 300 dipendenti sia incluso in questa acquisizione. Un fatto insolito, afferma il fiduciario Marc van Zanten della CMS Derks Star Busmann. "Soprattutto perché la parte che ha acquisito l'azienda aveva indicato che avrebbe mantenuto quei lavoratori".

Il rapporto sul fallimento mostra che i margini di profitto della Levarht erano in calo da diversi anni. La società ha chiuso il 2021 con un risultato negativo di circa 7,4 milioni di euro. Levarht ha proposto un piano di ristrutturazione, ma il tempo è scaduto prima che potesse attuarlo con successo. Inoltre, la disponibilità finanziaria risultava limitata per soddisfare i contratti di acquisto.

Anche i coltivatori affiliati a questa azienda olandese non erano sicuri della capacità della Levarht di adempiere agli obblighi (finanziari) nei loro confronti, nel corso della stagione. Di conseguenza, la Levarht non poteva effettuare acquisti economicamente favorevoli. L'azienda era a corto di personale anche per l'acquisto. In tali circostanze, la banca olandese, la ING, non ha voluto estendere o ampliare la linea di credito della Levarth.

Van Zanten spiega che la Levarht ha debiti per circa 30 milioni di euro con i fornitori, tra gli altri. "Questi debiti non sono scaduti da molto tempo. La maggior parte rientravano nel periodo di pagamento standard". Marc van Zanten sottolinea che dovrebbe essere presto indagata la causa esatta del fallimento. "Il rapporto indica che i profitti erano stati messi sotto pressione e che i margini dei clienti chiave erano inferiori".

"Insieme ai costi più elevati, ciò ha portato a problemi con gli assicuratori del credito e le organizzazioni di coltivatori. Per evitare di dover investire altri 15 milioni di euro prima della stagione, questa primavera è stato deciso di staccare la spina, per evitare che si aggiungessero altri problemi", continua il fiduciario.

"È incredibile la rapidità con cui l'azienda ha collassato dopo la moratoria. Non ho mai visto niente del genere, a seguito di un fallimento. Questo dimostra quanto sia unico il business dei prodotti ortofrutticoli. I prodotti devono essere di nuovo nei negozi il giorno successivo, visto che i clienti non perdono tempo a cercare altri fornitori. Questo è anche il motivo per cui l'azienda è andata in pezzi così rapidamente e perché è stata subito suddivisa nuovamente".

Dal 26 aprile all'11 maggio, la Veilinghuis Troostwijk di Amsterdam venderà, tramite un'asta online, tutti i macchinari, le attrezzature, i carrelli elevatori, i camion, le auto del personale, i computer e i mobili per ufficio della Levhardt. Il 10 maggio sarà possibile avere visione dei beni messi all’asta presso i locali commerciali di De Kwakel. "La cosa positiva per i creditori è che potranno essere risarciti in qualche modo. Non posso ancora dire quanto, ma dovrebbe essere una cifra considerevole. Spero il più possibile", conclude Van Zanten.


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto