Secondo uno studio, chi soffre di diabete può mangiare le patate

Secondo i risultati di uno studio, chi soffre di diabete può mangiare le patate, è una questione di quantità e di combinazioni: chiariamo il fraintendimento. C'è una specie di fraintendimento riguardo agli alimenti contenenti amido, come patate, pasta, pane o riso. Bisogna distinguere la differenza tra indice glicemico e carico glicemico.

C'è una bella differenza, perché non è detto che ogni cibo ad alto indice glicemico debba essere evitato dal diabetico. Dal lato opposto, invece, non è detto che un alimento a basso indice glicemico vada bene per chi soffre di diabete di tipo 2. Esistono molti dolci con indice glicemico medio-basso, eppure sono severamente sconsigliati. Ma allora cosa mangiare e cosa evitare?

E' tutta una questione di quantità, ad esempio, se si assumono 100 g di riso integrale, si otterrà lo stesso risultato sulla glicemia dell'assunzione di metà quantità di riso bianco con i gamberi. Inoltre, bisogna tener presente la combinazione dei cibi. Chi soffre di diabete può mangiare pasta e pane, riso e patate, nelle giuste dosi e combinazioni.

© Robyn Mackenzie | Dreamstime.com

Ad esempio, si possono assumere questi alimenti, se accompagnati da cibi a basso indice glicemico: legumi, verdure, pesce e carne, latticini. E' tutta una questione di proporzioni e di combinazioni, ciò è sfiancante per chi ne soffre, ma funziona in questo modo. Se pasta e patate, cioè un doppio carboidrato, deve essere evitata, il diabetico invece può mangiare patate con tonno e insalata. Una questione di equilibri.

Insomma, anche il diabetico può mangiare di tutto, basta che sappia organizzarsi le dovute limitazioni. Uno studio pubblicato sulla testata scientifica Clinical Nutrition conferma quanto detto, e ciò che il carico glicemico non è un parametro fisso. Il tutto è soggettivo e varia da persona a persona. Nello studio preso in considerazione, decine di pazienti diabetici di tipo 2 hanno dovuto pranzare e fare merenda con gli stessi alimenti per una più di una settimana.

A cena, invece, i pazienti sono stati suddivisi in due gruppi, un gruppo ha cenato con riso basmati e uno con patate. E' stato scoperto che, durante la notte, chi aveva cenato con patate aveva una glicemia migliore. L'indice glicemico, perciò, non è un parametro fisso. 

Fonte: Inran


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto