A causa dell'aumento dei costi

Prevista una riduzione della superficie coltivata a patate a Castiglia e Leon

In questa stagione Eduardo Arroyo, presidente dell'Associazione dei coltivatori di patate di Castiglia e León (Appacyl), in Spagna, prevede un calo nella superficie coltivata che potrebbe raggiungere il 20%.

"Il concime costa più del doppio dell'anno scorso, l'azoto tre volte tanto, e la gente opta per altre colture come i piselli o il girasole e invece di 20 ettari coltivati a patate, dimezzerà l'areale". Anche se, secondo lui, il problema più grande riguarda i costi dell'energia: "Si stanno firmando contratti che sono più alti del 120% rispetto all'anno scorso". Perciò, per quanto riguarda l'irrigazione, l'agricoltore sta pensando a colture con minori necessità, come quella del girasole.

Per quanto riguarda il costo di semina delle patate, Arroyo stima che mentre nella scorsa stagione il prezzo per ettaro era di circa 6.500-7.000 euro, quest'anno è salito a 8.000-8.500 euro. "Questa differenza deve essere coperta da un aumento della quotazione nei contratti; se non copriamo una bella fetta di questi costi, non ha senso".

Eduardo Arroyo specifica che questa non è la prima volta che il settore ha a che fare con un aumento del prezzo del gasolio. "Quello che non abbiamo mai visto prima sono questi aumenti di costo del 30% in soli 100 giorni, e non ci si aspetta che nel 2022 tali tariffe saranno livellate, sembra che siano qui per rimanere; sarebbe un'aberrazione se i prezzi dell'energia non venissero regolati".

Manca la domanda di sementi
Il presidente dell'UPA Ávila, Ventura González, spiega che "gli operatori non richiedono semi perché non sanno cosa fare. Se hai un aumento dei costi di 800 euro o più rispetto alla stagione scorsa e il prezzo della patata è sempre lo stesso, non vale la pena investire; non si semina per un profitto di 300 euro in quanto non è redditizio".

Fonte: burgosconecta.es


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto