Focus sul mercato mondiale del mango

In molti Paesi europei il consumo di mango è calato dopo Capodanno. I mercati olandesi sono stati inondati dal prodotto peruviano, che ha causato un calo dei prezzi. In questo periodo dell'anno, il Perù rimane la principale nazione d'origine, con la varietà Kent in testa quasi ovunque.

Paesi Bassi: calo di mercato nella settimana 1 dopo un mese di dicembre discreto
Attualmente il mercato del mango è in attesa. "A dicembre le vendite sono andate bene. Non c'è stata troppa offerta dal Brasile e in combinazione con l'inizio fiacco del Perù, fino alla settimana 52, i prezzi non sono stati soddisfacenti, anche se nel complesso ragionevoli - riferisce un importatore olandese - Tuttavia, il calo c'è stato nella settimana 1, quando alcuni esportatori peruviani hanno inondato il mercato con frutti di scarsa qualità e in quantità troppo elevate".

"Il mercato non è riuscito ad assorbirli e i prezzi sono scesi a livelli molto bassi. Nella seconda settimana, la situazione sembra essersi stabilizzata, anche se il prezzo deve ancora salire se si considerano i maggiori costi del trasporto e del cartone, tra le altre cose. Ma come sempre nel settore ortofrutticolo una reazione probabilmente ne provocherà un'altra, perché l'offerta da Piura, la prima zona di produzione del Perù, è nuovamente in calo. Chissà, la stagione potrebbe ancora rivelarsi molto buona, ma nelle prime due settimane dell'anno il mercato dei mango peruviani non è stato dei migliori".

Germania: la Kent è ancora la varietà più popolare, ma l'Osteen è in aumento
Attualmente la qualità del prodotto trasportato per via marittima e aerea è estremamente buona. All'inizio della stagione tedesca, a novembre, le vendite sono state piuttosto lente, ma nel frattempo la situazione si è normalizzata e la commercializzazione è al livello tipico della stagione, secondo un importatore.

Lo spazio di stoccaggio continua a diventare sempre più scarso e quindi più costoso. Le tariffe di trasporto sono aumentate ulteriormente rispetto all'anno scorso.

I mango Kent di calibro 12 sono ancora di gran lunga i più popolari tra gli acquirenti locali, mentre altre varietà trovano la loro strada nel commercio, solo sporadicamente. "Il Perù continua a essere il leader fino ad aprile, e i lotti dal Brasile vengono offerti come integrazione. Ciò che è notevolmente aumentato negli ultimi anni è l'offerta di mango spagnoli Osteen e Kent", conclude l'importatore.

Italia: acquisti di mango in calo dopo le festività
Un grossista di Milano dichiara: "Come sempre accade dopo le feste, i consumi di frutta esotica rallentano e la vendita si blocca. Inoltre, al momento, incidono fortemente l'aumento dei contagi e i vari lockdown dovuti alle evoluzioni del Covid-19. Molte aziende contano la metà del personale presente, si registrano difficoltà nell'acquisto e nella vendita dei prodotti, c'è in giro meno gente (anche negli stessi mercati) e questo influisce sui consumi". 

Nello specifico del mango, secondo il grossista, il prodotto che arriva per via aerea è molto caro, a causa dei costi di trasporto elevati, in particolare dal Perù. In questo caso i consumi sono regolari, pur essendosi stabilizzati al ribasso. Il prezzo del mango importato via mare da Brasile e Perù (varietà Kent e Tommy, tra le altre) è invece in flessione, a seguito del crollo del consumo di questi frutti. "Il mango importato per via aerea raggiunge prezzi di acquisto di 5,00-5,20 euro/kg, per la vendita a circa 6,50 euro/kg. Il prodotto importato per via marittima mostra quotazioni di acquisto di circa 3,50-4,50 euro/kg. "I prezzi di vendita non sono molto superiori: essendo crollati i consumi, si cerca di vendere il prima possibile", conclude il grossista.

Secondo i dati di GfK Consumer Panel, il mango è stato acquistato da oltre 4 milioni di famiglie italiane negli ultimi 12 mesi (con termine a novembre 2021). Si tratta del livello più alto degli ultimi 3 anni ed è pari al 15,7% della popolazione (circa 3 punti in più conquistati negli ultimi due anni).

Sudafrica: grandi speranze nonostante le piogge preoccupino
La maggior parte dei mango sudafricani si coltivano nella provincia di Limpopo. Hoedspruit, una delle principali regioni di produzione, ha registrato precipitazioni normali, ma a Tzaneen non c'è stata ancora tutta la pioggia auspicata.

I coltivatori di mango continuano a temere le potenziali inondazioni di fine stagione a febbraio, che potrebbero influenzare negativamente il raccolto. Finora, comunque, i frutti sembrano molto buoni, di alta qualità, e i calibri sono adeguati. I volumi di mango sono circa il 10% in meno rispetto alla produzione dello scorso anno.

I prezzi per i primi Tommy Atkins non sono stati molto soddisfacenti, con circa R45 (2,56 euro) per cartone da 4 kg. Anche i primi mango Shelly e Heidi sono arrivati sul mercato, con quotazioni migliori che riflettono accuratamente l'alta qualità, secondo fonti del settore.

Attualmente i mango Shelly si vendono a R110 - R120 (6,27-6,84 euro) per un cartone da 4 kg e i mango Heidi a R150 (,8,55 euro) per 4 kg.

Nord America: prezzi inferiori per gli alti costi logistici, opportunità per i mango statunitensi in India
Sebbene le forniture di mango siano costanti, la logistica ne sta influenzando movimentazioni e prezzi. Uno spedizioniere sostiene che sul mercato arrivino ancora dei mango brasiliani ed ecuadoriani. Tuttavia, al momento il principale fornitore del frutto è il Perù.

"Quest'anno il Perù sta affrontando una situazione molto difficile. C'è una carenza di container, una mancanza di spazio sulle navi e naturalmente l'aumento dei costi. Anche l'aumento dei casi Covid-19 non aiuta la situazione. Tra società di logistica, avoratori portuali e la carenza di manodopera, è incrementato il tempo necessario per spostare i container liberati dalla nave al magazzino".

Il Perù sta spedendo frutta da poco più di un mese e sembra essere un raccolto di dimensioni medie, con la Kent come varietà predominante. Il calibro della frutta è normale o forse inferiore in pezzatura, senza carenze sulle dimensioni 10 e 12.

In arrivo sul mercato anche il Messico, che inizierà il mese prossimo con forniture precoci e limitate. "Successivamente si passerà per lo più a gialli precoci di varietà Ataulfo, per un po'. I messicani non saranno un player forte sulla costa orientale fino alla fine di marzo", riferisce lo spedizioniere. Allo stesso tempo il Perù sarà in attività fino alla fine di marzo. "E una volta che il Perù terminerà la produzione, cominceremo a vedere arrivare la produzione da Costa Rica, Guatemala e Nicaragua sulla costa orientale".

Nel frattempo la domanda di mango è "solo ok", secondo l'operatore. "Tuttavia i contratti e le movimentazioni sono buoni e mantengono basse le scorte. Se ci fosse una domanda normale in questo momento, riteniamo che le vendite sarebbero superiori", aggiunge.

I prezzi sono simili a quelli dell'anno scorso. "Sarà interessante vedere come si svilupperà la situazione. Il lato dell'offerta non è alto come non lo è nemmeno quello della domanda. Quindi, con i costi più elevati, saremo in grado di aumentare il nostro prezzo? Questo è quello che tutti vogliamo - dice - Tutti i nostri costi sono più alti, dalla produzione all'imballaggio, al trasporto in container e alle spese extra come la congestione al porto. Tutto si somma. Poi si devono considerare i costi per spostare la frutta dal magazzino alla destinazione. Sappiamo tutti che le tariffe di trasporto sono circa il doppio del normale, qualunque cosa si possa considerare normale in questi giorni".

Sabato il dipartimento dell'agricoltura e del benessere degli agricoltori (DAC&FW) e il dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti (USDA) hanno raggiunto un accordo per implementare una procedura 2 Vs 2 Agri per i problemi di accesso al mercato. Ovvero: l'ispezione e/o il trasferimento della supervisione per mango e melagrane indiani, l'accesso al mercato per gli arilli di melograno dall'India e l'accesso al mercato per le ciliegie degli Stati Uniti e il fieno Alfalfa statunitense. Le spedizioni di mango possono iniziare questo mese.

Da due stagioni a questa parte, il frutto è stato largamente assente dal mercato statunitense a causa della pandemia che interferiva con le esportazioni. Come ha notato un esportatore in un articolo dell'anno scorso, i mango statunitensi potevano essere spediti solo con il programma di pre-autorizzazione dell'USDA, che prevede la visita di un ispettore dell'USDA in India per supervisionare il trattamento e poi pre-autorizzare il prodotto. In questo modo non c'è rischio di avere una mancata autorizzazione e si tratta di una pratica che non è stata più attuata da quando è emersa la pandemia.

Invece, quello che è stato concordato è il programma di "trasferimento della supervisione". Questo permette all'India di spedire la frutta previo trattamento di irradiazione dei mango a livello locale, con un ispettore indiano prima dell'arrivo negli Stati Uniti. "Così non ci sarà una pre-autorizzazione e ci sarà un'ispezione post-arrivo", conclude l'esportatore.

Australia: in questa stagione c'è un aumento della produzione, ma si prevedono ritardi per il prossimo anno
La stagione australiana del mango sta entrando nei suoi ultimi mesi. Secondo i rapporti, nella seconda settimana del 2022 sono stati inviati 214mila vassoi, ma questo numero si ridurrà gradualmente nel corso delle altre 10 settimane rimanenti. Complessivamente, si stima che ci saranno quasi 8 milioni di vassoi in tutta la stagione, il che è in aumento rispetto ai circa 7 milioni dell'anno scorso.

In termini di produzione, nella regione di Bowen/Burdekin, la maggior parte dei coltivatori ha ormai concluso la stagione di raccolta. Verranno spediti limitati volumi di Honey Gold, mentre la stagione dovrebbe concludersi questo mese. Nella regione di Mareeba/Dimbulah, i mango Honey Gold sono stati spediti un po' prima di quanto inizialmente previsto e la raccolta di varietà di fine stagione come la Keitt dovrebbe iniziare entro la terza settimana del 2022. Nel frattempo molti coltivatori del Queensland sudorientale hanno sperimentato alcune piogge negli ultimi sette giorni, che tuttavia non hanno avuto un impatto sulla qualità della frutta.

Alcuni coltivatori hanno intenzione di raccogliere l'ultimo raccolto di Kensington Pride e R2E2 in questi giorni, mentre altri inizieranno la stagione a breve. Nella regione di Carnarvon, in Australia Occidentale, i volumi sono in aumento con l'avanzare della campagna, anche se sono inferiori alle previsioni iniziali. Ultimamente, le giornate calde hanno portato i frutti a maturare velocemente. I coltivatori hanno riportato alcune perdite di raccolto a causa dello sviluppo della macchia batterica che ha colpito la maggior parte della regione.

Mentre a Gingin (Australia Occidentale) la regione continua a sperimentare un clima caldo e secco. Tali condizioni hanno causato alcune perdite di raccolto, colpendo soprattutto i frutti più piccoli da eventi di fioritura tardiva. Quest'anno la stagione potrebbe vedere un inizio particolarmente tardivo a causa del ritardo nella fioritura.


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto