Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Focus sul mercato mondiale del pomodoro

In questa stagione, un tema comune nel mercato globale del pomodoro è la crescente pressione di virus come il ToBRV, così come il persistere di modelli climatici anomali e l'aumento dei costi di produzione. L'aumento del costo dell'energia nella maggior parte dei paesi è particolarmente preoccupante, in quanto l'emisfero settentrionale passa alla coltivazione illuminata durante i mesi invernali più bui. Tutti questi fattori combinati significano un aumento dei prezzi dei pomodori su tutta la linea.

Paesi Bassi e Belgio: crisi energetica e problemi di virus mettono sotto pressione i coltivatori di pomodori
Nelle serre di pomodori olandesi e belghe, le luci sono accese già da un po'. E' il momento della coltivazione illuminata, dopo una stagione eccezionale, con prezzi notevolmente alti dall'estate fino ad ora. Al momento, tuttavia, il fattore più determinante sono gli elevati prezzi dell'energia.

La stagione delle colture non illuminate è terminata, tranne che per un piccolo gruppo di coltivatori autunnali che coltiva soprattutto pomodori a grappolo di grandi dimensioni e che entra in produzione in questo periodo, per un breve lasso di tempo. La maggior parte dei coltivatori che non coltiva sotto luci artificiali al momento ha a che fare con la rotazione delle colture e si sta preparando per una nuova stagione. Per i coltivatori che piantano una nuova coltura non illuminata a dicembre ci saranno sicuramente dei cambiamenti dovuti alla crisi energetica. Si prevede che la prossima primavera ci saranno picchi e cali di produzione in momenti diversi.

Questo è già successo quest'anno, principalmente a causa di problemi legati ai virus. Ciò ha causato "prezzi invernali" in estate, quando i coltivatori sono stati costretti a sgomberare le loro serre dopo essere stati infettati dal Tomato brown rugose fruit virus (ToBRFV), sia in Olanda che in Belgio. Gli ultimi aggiornamenti delle cifre ufficiali mostrano 29 infezioni nei Paesi Bassi e 12 in Belgio. A causa dei problemi dovuti al virus i coltivatori si stanno orientando su nuove colture. Ci sono anche coltivatori che stanno passando al cetriolo o al peperone dolce, per esempio.

A un'estate con prezzi alti è seguito un autunno in cui i prezzi sono rimasti ad un livello elevato e sembravano addirittura poter continuare a salire, contrariamente alle tendenze degli ultimi anni. Nelle ultime settimane la tendenza al rialzo dei prezzi si è stabilizzata per un po'. A novembre si assiste spesso a un piccolo calo, quando i prodotti importati diventano disponibili in grandi quantità. Tuttavia, questa settimana i prezzi dei pomodori a grappolo, il segmento più grande tra chi coltiva sotto luce artificiale, sono di nuovo in aumento. Nelle ultime settimane i prezzi dei pomodori sfusi sono stati in media leggermente più bassi di quelli dei pomodori a grappolo.

Quest'inverno, alcuni coltivatori nei Paesi Bassi e in Belgio stanno scegliendo di non coltivare, a causa degli alti prezzi dell'energia. I coltivatori con contratti energetici sfavorevoli, che attualmente devono acquistare gas ed elettricità a prezzi elevati, hanno deciso di lasciare le loro serre vuote, quest'inverno. Ci sono anche coltivatori che hanno adattato la loro strategia di illuminazione, o la loro strategia di coltivazione in modo da poter lavorare temporaneamente con meno energia. Di conseguenza, le piante stanno crescendo più lentamente al momento, ma i coltivatori sperano di poter velocizzare la loro coltivazione non appena i prezzi dell'energia scenderanno di nuovo. Al momento, un calo non è ancora in vista.

Germania: le basse temperature causano un calo della domanda di pomodori
In Germania. la domanda è diminuita significativamente a causa delle basse temperature. Tuttavia, l'offerta in termini di volume e varietà è più alta che mai, per cui la domanda potrebbe essere facilmente soddisfatta. L'offerta olandese è diminuita notevolmente, mentre quella della Spagna è aumentata.

Inoltre, gli spagnoli hanno notato l'aumento dei prezzi del gas nei Paesi Bassi e stanno regolando di conseguenza i loro prezzi di mercato. Pertanto il prezzo dei primi pomodori spagnoli è notevolmente più alto per certe varietà rispetto agli ultimi pomodori olandesi. L'offerta rimanente proviene principalmente da Marocco, Belgio e Italia.

Italia: l'aumento dei costi di produzione e la pressione data dal ToBRV ostacola i produttori
Secondo i dati del Consumer Panel di GfK, nell'ultimo anno terminante a settembre 2021 oltre 23,2 milioni di famiglie italiane (l'89% del totale) hanno acquistato almeno una volta la categoria pomodori. Gli italiani acquistano pomodori in media 17,2 volte l'anno, per una spesa media di 2,10 euro.

Per i produttori, la stagione 2021 è stata difficile. In estate, i pomodori hanno sofferto alte temperature e malattie come il Tomato Brown Rugose Fruit Virus. Il caldo ha dimezzato le rese. I costi, nel frattempo, sono aumentati. Il prezzo medio del pomodoro ciliegino (1,50 euro/kg) ha ripagato solo parzialmente i costi. Anche ora, in autunno, la domanda dai mercati esteri, come Germania e Austria, si è indebolita, a causa della ripresa della pandemia. Nell'incertezza, è probabile che alcuni produttori decideranno in futuro di ridurre gli ettari coltivati a pomodori.

Spagna: calo dell'area di produzione dei pomodori a causa della pressione da più parti
Il mese di novembre è iniziato con un aumento dei prezzi per tutti i tipi di pomodoro, ad eccezione del pomodoro a grappolo. Il pomodoro a grappolo, insieme all'indalataro sono le tipologie commerciali che mostrano il prezzo più alto, nelle aste di Almeria. Il pomodoro continua a perdere terreno in tutta l'area orticola andalusa. Secondo le prime stime per la stagione, la sua superficie diminuirà del 3% rispetto alla scorsa stagione, quando era vicina agli 8.400 ettari. I suoi alti costi di produzione, soprattutto di manodopera, la forte concorrenza internazionale, soprattutto dal Marocco, così come i problemi causati dai virus e dal parassita Tuta absoluta, insieme ai prezzi che non soddisfano le aspettative dei produttori, stanno portando alla progressiva sostituzione con colture con un minore impatto salariale, come i peperoni e le zucchine.

Secondo diverse fonti del settore, le tipologie di pomodoro che ridurranno maggiormente la loro superficie di coltivazione in questa stagione saranno il pomodoro tondo e il pomodoro a grappolo. Il pomodoro perino mantiene un numero di ettari di coltivazione simile alla scorsa stagione. D'altra parte, le specialità a più alto valore aggiunto e redditività, come il pomodoro di tipo rosa, il cuore di bue, il ciliegino di diversi colori, ecc., mostrano una maggiore forza per competere con le produzioni dei paesi terzi, e mostrano un aumento della loro superficie di coltivazione. A novembre, la produzione andalusa, ancora limitata, si sovrappone sui mercati internazionali alla fine della stagione dell'Europa centrale che, nonostante offra un prodotto di qualità inferiore, mette sotto pressione i prezzi del pomodoro spagnolo. La produzione marocchina aumenta notevolmente a metà novembre, competendo con maggiore intensità sui mercati europei con l'offerta di Almería, Granada e Murcia.

Sudafrica: le forti piogge colpiscono il raccolto di pomodoro sudafricano
In Sudafrica, i prezzi dei pomodori sul mercato sono diminuiti significativamente nell'ultimo mese a causa degli alti volumi. Il prezzo medio sul mercato è sceso del 42% a R4,47 (0,25 euro) al kg, a causa di un aumento dell'offerta, ma ci si aspetta una svolta, perché la pioggia sta ostacolando la raccolta nella regione settentrionale.

I produttori di pomodori nella parte settentrionale del paese (Limpopo, Mpumalanga e Provincia del Nordovest dove si coltivano i pomodori) sono in fibrillazione in quanto c'è stata una pioggia diffusa e consistente dal fine settimana. Se l'estate avrà precipitazioni superiori alla media, come si prevede, ciò avrà un effetto diretto sulla pressione dei parassiti e sulle rese (come è successo l'anno scorso) e si avranno volumi inferiori.

Un commerciante di pomodori riferisce che ci sono alcuni produttori che l'anno scorso hanno perso gran parte del loro raccolto a causa dei danni provocati dai parassiti (per esempio il nuovo arrivato Tuta absoluta) e se lo stesso accade quest'anno (e la pressione del Tuta absoluta è già molto alta) si potrebbe verificare un'interruzione nella produzione di pomodoro, almeno per il prossimo futuro.

Cina: il cattivo tempo e l'aumento dei costi di produzione fanno salire i prezzi dei pomodori cinesi
Dall'estate in poi i prezzi dei pomodori cinesi sono rimasti alti. Qualche tempo fa Shandong, Hebei, Shaanxi, Shanxi, Henan e altri luoghi hanno registrato piogge continue per molti giorni e ciò ha causato un tasso di allegagione dei pomodori inferiore al solito e un volume di pomodori sul mercato significativamente più basso di quello degli anni normali. Dall'inizio di quest'anno i prezzi di semi, fertilizzanti, pesticidi, ecc. sono aumentati, facendo salire il costo di produzione e l'aumento dei prezzi del petrolio ha fatto salire i costi di trasporto. Tutto ciò ha concorso a fare aumentare i prezzi delle verdure. Attualmente, il prezzo all'ingrosso dei pomodori ordinari rimane alto, con circa 6 yuan per 500 grammi (0,84 euro).

Negli ultimi anni, la domanda di pomodori ciliegino di fascia alta è aumentata nelle città cinesi di primo livello. Prendendo Shanghai come esempio, a causa della limitata area di piantagione nell'area urbana, l'attuale offerta di pomodorini è inferiore a 1/5 del consumo totale. Pertanto, alcune aziende hanno iniziato a costruire serre nelle aree urbane all'interno della città, con l'obiettivo di ridurre i costi di trasporto e garantire la fornitura locale di pomodorini.

Nord America: fornitura costante e prezzi migliori per i pomodori 
Per un coltivatore statunitense con attività idroponiche in Messico, i pomodori datterino sembrano guidare la crescita della categoria, e il coltivatore sta cercando di espandere la produzione di questo tipo di pomodori. Il produttore coltiva anche pomodori a cuore di bue e pomodori a grappolo (TOV).

"Le forniture di pomodori a cuore di bue e di pomodori a grappolo sono simili a quelle avute nello stesso periodo dell'anno scorso. Ci sono stati alcuni alti e bassi a causa della pandemia. Le nostre cifre non seguono sempre la tendenza a cui siamo abituati. Ma nel complesso non è niente di inaspettato e siamo in grado di fornire pomodori", dice.

Attualmente, anche il Canada è in produzione con i pomodori coltivati in serra. Nel frattempo, la domanda di pomodori è costante. "Abbiamo visto una buona domanda e stiamo movimentando molti più pomodori con l'arrivo dell'inverno e delle vacanze - afferma - Nel complesso, se non altro, la domanda sta aumentando lentamente per i pomodori, soprattutto per i datterino. C'è un grande mercato per questi pomodori".

Sebbene i pomodori datterino abbiano contribuito a far crescere la categoria, soprattutto come snack, il coltivatore sostiene che anche le insalate preconfezionate e i kit di insalate siano un'opzione crescente per i pomodori datterino. "La loro popolarità sta aumentando e stiamo scoprendo che molti clienti stanno cercando un prodotto adeguato da inserire nei loro kit", dice.

Per quanto riguarda i prezzi dei pomodori, sono abbastanza paragonabili a quelli avuti nello stesso periodo dell'anno scorso.

Nel frattempo la Florida ha iniziato la sua produzione di pomodori in campo e la stagione è in orario, a differenza di altri prodotti in produzione in questo momento, come le specialità di peperoni, che sono in ritardo. "La qualità è eccellente. Abbiamo avuto un bel po' di pioggia all'inizio dell'autunno e alcuni di questi temporali che si sono verificati più tardi hanno aiutato il raccolto", dice un coltivatore della Florida che è in produzione con pomodori tondi a grappolo e i pomodori Roma, una novità per loro. "La qualità dei pomodori è molto buona. Si può irrigare, ma non è mai paragonabile a una bella pioggia. Ha bilanciato tutto e ora il clima si sta raffreddando, e anche questo ci ha aiutato".

Sebbene la superficie sia rimasta la stessa, il coltivatore ha aumentato l'impronta complessiva per entrambi i tipi di pomodori.

Per quanto riguarda la domanda, al momento è buona. "Tutto si sta muovendo. La domanda non è stata eccezionale, ma è stata buona", dice. I coltivatori della Florida stanno tenendo d'occhio anche l'aumento delle tariffe di trasporto che potrebbe rendere il prodotto della Florida un'opzione più attraente per le regioni vicine.

Per quanto riguarda i prezzi, attualmente questi sono partiti dalla fascia media o leggermente più alti e il coltivatore sostiene che siano migliori di quelli avuti nello stesso periodo dell'anno scorso.


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto