E in 10 anni l'uso di agrofarmaci si e' ridotto del 39%

L'ortofrutta? Il 50 per cento dei consumatori la vuole italiana

Se nel 2019, prima della pandemia, a mettere come priorità la provenienza dei prodotti alimentari, e quindi dell'ortofrutta, era il 26% dei consumatori interpellati; un anno dopo, post lockdown, la percentuale è salita al 49%. I dati, presentati da Ersilia Di Tullio di Nomisma durante un convegno di qualche settimana fa (cfr. FreshPlaza del 10/02/2021), mettono in luce quanto i timori sulla pandemia stiano influenzando anche le decisioni all'atto dell'acquisto. e chi commercia ortofrutta deve tenerne conto. 

"Pure il tema dei prodotti sostenibili ha assunto maggiore importanza - ha detto Di Tullio - passando dal 22% al 42% delle preferenze. I prodotti che esprimono elementi salutistici sono preferiti oggi dal 38% dei consumatori, contro il 15% pre Covid".

Un altro aspetto da sottolineare, che troppo spesso gli stessi operatori ignorano o non sanno come 'spendersi', è quello della diminuzione dell'uso di fertilizzanti e agrofarmaci di sintesi. Nel decennio 2008 - 2010, l'uso di fungicidi è passato da 5,8 a 3,5 kg/ha di superficie trattabile, segnando un calo del 40%. Altrettanto vistosa la diminuzione dell'uso di insetticidi (-38%) e di erbicidi (-19%). Anche l'uso dei fertilizzanti è diminuito parecchio, circa il 17% (dati Istat elaborati da Nomisma).

Infine, il packaging: la tendenza è quella di non averne troppo (overpackaging) o, perlomeno, che sia riciclabile/compostabile. 


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto