Avvisi

















Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Juan Andres Ferrari (ACF Global Sourcing) in occasione di Cold Logistics Conference 2020

Potrebbe esserci un gap di fornitura di frutta dal Cile nella prossima stagione

Una delle principali società di leasing di container refrigerati al mondo afferma che la pandemia ha portato a una maggiore richiesta dei suoi servizi.

In occasione della Cold Logistics Conference 2020, Greg Tuthill, SVP e Chief Commercial Officer di SeaCube, ha sottolineato la preoccupazione iniziale per via dell'emergenza sanitaria in tutto il settore delle spedizioni, a marzo 2020, e cosa questo ha significato per la stabilità del mercato. Ha osservato che molti Paesi hanno sperimentato scaffali vuoti nella Grande distribuzione a causa della corsa all'accaparramento, ma al contempo ciò ha portato in realtà ad un'accelerazione della domanda in alcune regioni di container refrigerati a temperatura controllata.

"Sono stati fatti molti commenti sulla catena di fornitura, relativamente ai prodotti refrigerati, sia surgelati che freschi", ha detto Tuthill. "I mercati dei prodotti refrigerati sono stati piuttosto resistenti a ciò che abbiamo sperimentato. Indipendentemente dalla pandemia e dalla recessione economica che tutti noi abbiamo vissuto, il cibo deve ancora muoversi e il ciclo di rifornimento deve continuare. Mentre c'è stato una minore fornitura a livello di ristoranti (a causa delle chiusure), la gente era ancora a casa a mangiare e alcune categorie si sono spostate dove c'era richiesta. Tuttavia, per noi, come società di leasing, dal punto di vista dell'offerta, la domanda era molto alta. In alcuni casi il coronavirus ha creato più domanda, visto che abbiamo registrato una certa ripresa dei volumi".

Tuthill ha aggiunto che, in futuro, i mercati del trasporto marittimo refrigerato possono aspettarsi un tasso annuo di crescita composto (CAGR) del 5,4% fino al 2024, che è più veloce di qualsiasi altro segmento del mercato del trasporto merci. Sempre che non ci siano ulteriori blocchi importanti nelle principali regioni di trasporto marittimo. Il Cco di SeaCube ha identificato cinque catalizzatori chiave per la crescita futura, che possono essere applicati sia all'interno che all'esterno della pandemia.

"Il primo è la crescita della popolazione", ha detto Tuthill. "Il secondo è la nutrizione e le diete più sane, che è un fattore che sta guadagnando popolarità, compresa la tendenza della dieta a base vegetale, che sta portando più prodotti refrigerati o surgelati attraverso le nostre reti della catena del freddo. Terzo catalizzatore è l'approvvigionamento alimentare sostenibile, cosa che è anche in cima alla lista delle priorità per la maggior parte delle nazioni, se non per tutte. Questo continua a spingere un maggior numero di fonti di approvvigionamento all'interno di quel settore. Le proteine (il quarto catalizzatore) continuano ad essere una merce a crescita elevata, all'interno dei mercati dei prodotti refrigerati. Numero cinque: il requisito e l'aspettativa di alta crescita per la domanda di trasporto farmaceutico per ambienti a temperatura controllata - soprattutto per trasportare i vaccini quando saranno pronti. E' vero che, all'inizio, molto probabilmente saranno trasportati per via aerea prima di essere trasportati via mare".

Tuttavia, Juan Andres Ferrari, vice presidente di ACF Global Sourcing in Cile, ha riferito durante la conferenza che il suo Paese sta attraversando momenti di incertezza a causa dei costi di trasporto più elevati.

"C'è una pressione molto alta a causa dei problemi di trasporto e dell'incertezza. Come si fa ad operare quando non si sa se il prodotto arriverà e gli ordini dei negozi o dei clienti ne risentiranno? Oggi la situazione è molto critica. Abbiamo un fornitore in Cile con cui stiamo cercando di realizzare un programma in Giordania per via aerea, ma oggi è quasi impossibile. I voli passeggeri o gli aerei cargo faranno pagare quasi il triplo di quanto costa di solito. Quindi, un cliente che ha bisogno di prodotti è disposto a pagare il prezzo FOB, ma il prezzo CNF è fuori portata a causa dell'incertezza. Ciò significa in definitiva che il mittente, il coltivatore e il cliente dovranno affrontare una tariffa aerea più alta. Speriamo che si torni alla normalità".

Ha anche avvertito che potrebbe esserci un vuoto nell'offerta di frutta fuori dal Cile nella prossima stagione, a partire da novembre e dicembre, con ortofrutticoli ridotti e a prezzi elevati. Ma, dice Ferrari, quanto sia grave dipenderà dal cambiamento dei regolamenti governativi dei Paesi importatori.

Il direttore di A-bar-C Services, Andy Connell,  ha sottolineato che nel suo Paese i porti sudafricani hanno inizialmente faticato a far fronte all'improvviso aumento del traffico e del volume.

"Se si guardano le cifre, siamo riusciti a movimentare tutta la frutta che doveva essere esportata", ha detto Connell. "Ma, realisticamente, parlando con le compagnie di spedizione e con il mercato che ha ricevuto il prodotto, non è andato tutto liscio. Abbiamo fatto sostare le navi al largo delle nostre coste per 12-14 giorni, e alcuni prodotti hanno impiegato più di 60 giorni per attraversare il confine. Fortunatamente, tutto il mondo era nella stessa barca, quindi abbiamo risparmiato un po' di danni alla reputazione".

Indipendentemente dalla pandemia, il mercato ortofrutticolo deperibile del Marocco è alle prese con la sfida dei costi logistici elevati, in confronto al calo dei prezzi dei prodotti, secondo la società svizzera OceanX. Il presidente Ruben Huber ha affermato che, considerando che i principali mercati di esportazione del Paese sono Europa, Medio Oriente, Russia, Stati Uniti e parte dell'Asia, i costi logistici sono quasi il triplo di quelli della Spagna.

"Dai camion refrigerati alle navi frigorifere convenzionali per gli Stati Uniti e alle movimentazioni di agrumi, ai servizi RoRo (roll-on/roll-off) nel Mediterraneo, ai container reefer, al trasporto aereo per il Medio Oriente: quasi tutto è usato per portare il prodotto dove deve andare. Per quanto riguarda le celle frigorifere, c'è un interessante studio olandese, che ha rilevato che il Marocco soffre di un sottoinvestimento a questo proposito, rispetto ad altri. Dal 2018, Romeu e la francese Safrilog hanno investito, ma c'è un potenziale per ulteriori investimenti nel Paese".

Huber ha aggiunto che per la stagione di esportazione 2018/19 sono stati esportati dal Marocco 3,1 milioni di tonnellate di prodotti, pari al 30% dei proventi delle esportazioni del Paese. Il 90% delle esportazioni di verdura è destinato all'Unione Europea, e il Paese è anche al quarto posto nel mondo per le esportazioni di pomodori. Altre importanti esportazioni di frutta e verdura sono: fagiolini, peperoni, agrumi, meloni e piccoli frutti.


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto