Avvisi





Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Joris Bakker, Breadbox

Non dappertutto i container reefer vincono sulle navi refrigerate

I reefer container stanno gradualmente sostituendo le navi refrigerate nel trasporto cargo marittimo. Sembra quasi una regola non scritta, che tutti conoscono, ma c'è sempre un'eccezione. Venti anni fa, Joris Bakker ha avviato un servizio di noleggio. Negli anni successivi, con le sue navi refrigerate ha tranquillamente eroso una parte considerevole della quota di mercato delle grandi compagnie di navigazione sul percorso verso l'Africa occidentale. Così facendo, Joris è quasi riuscito a ribaltare una tendenza apparentemente inarrestabile.

La compagnia in questione? Si chiama Breadbox Chartering e ha sede nei Paesi Bassi. No, non ha nulla a che fare con il suo cognome, ride Joris Bakker, quando gli viene chiesto. "E' un termine gergale che vuol dire "istinto". Questa è diventata un po' una filosofia per la nostra azienda. Ci siamo affidati molto al nostro istinto quando abbiamo fondato l'attività", spiega.

Nel 2000, Joris si è imbattuto in un commerciante di cipolle che si lamentava dei prezzi altissimi che doveva pagare per prenotare un container refrigerato in Africa occidentale. "Deve esserci un altro modo", ha pensato Joris, che allora lavorava in una compagnia di navigazione con una flotta di diverse navi refrigerate. Facendo i suoi calcoli, avrebbe potuto fornire una nave refrigerata per il 30% di costo in meno.

"Molte navi refrigerate erano, e sono ancora, utilizzate per il trasporto di frutta e verdura dall'emisfero australe a quello boreale", afferma Joris. "Si pensi al servizio programmato per il trasporto degli agrumi dal Sudafrica ad Anversa, Rotterdam e San Pietroburgo. Di solito, queste navi ritornano vuote in Sudafrica o in Sud America, per raccogliere un nuovo carico. C'era perciò un gap da colmare, in quei Paesi", ha pensato Joris. "Ho quindi deciso di noleggiare queste navi. Potevo offrire lo spazio agli esportatori di patate e cipolle che commerciavano verso l'Africa occidentale. Queste navi non sarebbero più tornate vuote a destinazione".

Le prime navi noleggiate sono salpate da Vlissingen, nei Paesi Bassi, dirette a Banjul, in Gambia. Successivamente, alla rotta sono stati aggiunti i porti di Nouakchott in Mauritania, Dakar in Senegal e Abidjan sulla Costa d'Avorio. Il numero dei viaggi è aumentato anche a uno a settimana. La nave non poteva attraccare nel porto di Conakry in Guinea, ma poteva farlo a Dakar. Il servizio di linea per questo porto senegalese si è rivelato un grande successo per la Breadbox, tanto che, l'anno scorso, l'azienda ha deciso di acquistare a Dakar un terreno di 30.000 m2.

La compagnia vuole costruirvi su una struttura di stoccaggio e trasbordo per cipolle e patate olandesi. "Il Senegal è la destinazione più importante, per le cipolle olandesi", afferma Joris. “Spediamo circa 100.000 tonnellate all'anno, in quel porto. Nei nostri 20 anni di attività, non abbiamo mai saltato una stagione. Al porto di Dakar, le cipolle vengono semplicemente collocate sulla banchina, tra le altre merci. Spesso la situazione è caotica. Ecco perché utilizzeremo un servizio navetta. Porteremo le cipolle direttamente dalla banchina alla nostra struttura di stoccaggio e trasbordo".

"Gli importatori possono quindi ritirare le loro merci dalla nostra struttura. Nella prossima stagione, questa sarà ancora un padiglione di 2.500 m2, in un sito recintato. L'anno prossimo, speriamo di costruirne uno di 6.000 m2. E più tardi, nella fase 3, potremmo aggiungere strutture di refrigerazione, ad esempio per le patate che devono essere stoccate in cella frigo in Africa. Ma non vogliamo creare un magazzino merci. La funzione principale della struttura sarà quella di gestire le grandi quantità di pallet di cipolle in arrivo".

Ma avere solo navi più economiche e occasionalmente vuote che navigano verso l'emisfero australe non sono gli unici fattori che favoriscono il business del settore delle esportazioni di patate e cipolle. "Pensiamo di poter fornire agli esportatori anche ulteriori vantaggi", afferma Joris. "In primo luogo, ci sono i tempi di transito veloci: di fatto, cipolle e patate vengono caricate su una nave noleggiata a Vlissingen".

"Le merci arrivano al porto di Dakar entro 5-6 giorni e lì vengono scaricate direttamente sulla banchina. In linea di principio, i commercianti possono ritirare i loro prodotti non appena vengono distribuiti dal nostro agente, che è un partner della Breadbox. Pertanto, non ci sono problemi con gli scali delle navi portacontainer, né con la movimentazione o lo spreco di tempo al terminal container. Infatti, anche la movimentazione nel terminal container dell'Africa occidentale è frenetica".

"In secondo luogo, anche i volumi di merci che possiamo trasportare in questo breve lasso di tempo hanno la loro importanza", continua Joris. "La finestra temporale del mercato africano in cui è consentito esportare cipolle inizia ogni anno più tardi e termina prima. Quindi, la tempistica è sempre più breve. Abbiamo una soluzione per questo. Possiamo mettere insieme un numero discreto di navi in breve tempo. Pertanto, possiamo trasportare una quantità ragionevole di carichi anche in una stagione così ridimensionata".

Negli ultimi anni, le esportazioni verso l'Africa occidentale - dove il Senegal importa ancora la maggior parte delle cipolle olandesi - hanno dimostrato di non essere scontate. Nelle estati secche, come quella del 2018, le scorte sono risultate limitate. Le cipolle olandesi sono quindi risultate troppo costose per quel Paese dell'Africa occidentale. In quei casi, si passa quindi a prodotti alternativi, come le cipolle marocchine. Per Joris, ciò vuol dire anche concorrenza. "Le aziende marocchine preferiscono trasportare le cipolle in Senegal su strada. Questa modalità di trasporto via terra sta diventando più comune e molto concorrenziale sul mercato".

Joris attualmente non incontra grossi problemi a causa della pandemia. "Dobbiamo lavorare sia in l'ufficio sia in modalità smart working. Ma funziona bene, per noi. La stagione dei reefer inizia solo ad agosto. Tuttavia, il prezzo del costo delle nostre rotte multifunzionali è diminuito, grazie alla flessione nel prezzo della benzina. Anche i prezzi di spedizione sono leggermente in calo. Il vantaggio è che abbiamo già concluso contratti di spedizione a lungo termine".

Maggiori informazioni
Joris Bakker
Joris.Bakker@breadbox-shipping.com  

Breadbox Shipping Lines B.V.
Westfrankelandsedijk 1
3115 HG Schiedam
The Netherlands
Phone  + 31 10 477 64 73
Fax + 31 10 476 78 38
Email info@breadbox-shipping.com


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto