Rispetto alla stessa del 2019

Stati Uniti: aumentate le vendite di frutta e verdura surgelata a meta' aprile

Da quando è partita l'epidemia di Coronavirus negli Stati Uniti, i modelli di acquisto dei generi alimentari sono stati ampiamente diversi in termini di dimensioni della spesa, giorno della settimana, parte del giorno, scelta dei prodotti e del marchio e coinvolgimento negli acquisti online. La settimana che si è conclusa il 19 aprile 2020 è stata la settima che ha presentato modelli di acquisto influenzati dall'epidemia.

Il consumo a casa è destinato a persistere nel prossimo futuro e la domanda aggiuntiva ha continuato a spingere le vendite al dettaglio ben al di sopra dei livelli precedenti, nonostante la Pasqua del 2019 sia caduta il 21 aprile. In queste ultime sei settimane, il reparto dei surgelati è stato il leader indiscusso nelle vendite di prodotti alimentari e la settimana conclusasi il 19 aprile non ha mostrato un andamento diverso in questo senso.

210 Analytics, IRI e AFFI hanno collaborato per capire come tradurre in dollari e volumi questa tendenza verso i surgelati durante tutta la pandemia. 

Nella settimana del 19 aprile 2020, le vendite di prodotti surgelati hanno continuato a registrare livelli molto elevati, con un fatturato più alto del 28,8% rispetto alla stessa settimana del 2019. Nonostante le vendite della carne abbiano comunque registrato un aumento nella settimana (+17,3%), il totale complessivo è aumentato di appena l'1% a causa di una riduzione negli acquisti di salumi e prodotti da forno. I prodotti sugli scaffali sono aumentati del 10,5%. Gli alimenti surgelati hanno generato quasi 1,4 miliardi di dollari nella settimana del 29 marzo 2020, con oltre 332 milioni di dollari in più rispetto alla stessa settimana del 2019. Il fatturato degli alimenti surgelati è aumentato del 22,9%.

La quota maggiore nel segmento dei cibi surgelati e pasti surgelati è aumentata di oltre il 20%. Questo andamento è stato alimentato dal costante "appetito" per la pizza surgelata, le cui vendite sono aumentate del 51,1% durante la settimana conclusa il 19 aprile rispetto alla stessa del 2019. Nel complesso, la categoria della frutta e verdura surgelata è aumentata del 28,7% nella settimana del 19 aprile rispetto alla stessa settimana dell'anno scorso. All'interno di questa categoria, i prodotti più acquistati sono stati patate e cipolle, con vendite in crescita del 37,8% nella settimana che si è conclusa il 19 aprile rispetto alla stessa settimana dell'anno precedente.  

Lezioni dall'estero
I modelli di vendita all'estero possono contribuire a fare un po' di chiarezza su ciò che ci aspetta. Dopo settimane di incetta molto simili a quelle degli Stati Uniti, la maggior parte dei paesi sembra essersi spostata verso livelli di acquisto costantemente elevati per tutti i prodotti alimentari, con un approccio misto verso i prodotti freschi (carne, prodotti ortofrutticoli, panetteria, ecc.).

Per quanto riguarda i prodotti alimentari, la base di riferimento quotidiana per la settimana che si è conclusa il 12 aprile (settimana di Pasqua) ha mostrato un andamento più elevato di circa il 20% rispetto alla stessa settimana del 2019 per tutti i Paesi. Le vendite di prodotti non alimentari si sono per lo più stabilizzate e, in alcuni casi, sono diminuite. I surgelati continuano a registrare guadagni più alti della media in tutti i Paesi, tranne che in Spagna.

Per maggiori informazioni:
Anne-Marie Roerink
210 Analytics
Tel: +1 (210) 651-2719 
Email: aroerink@210analytics.com      
Web: www.210analytics.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto