Disintossicarsi e perdere peso con la dieta dell'uva

La dieta - anzi la monodieta - a base di sola uva da tavola per fini terapeutici (ampeloterapia) ha origini antiche. Successivamente, svariati studi hanno dimostrato l'efficacia dell'uva per la cura di problemi più o meno gravi, ma comunque sempre correlati ad un accumulo di tossine nell'organismo.

Possiamo provare anche noi, senza alcun danno per la nostra salute, considerato che l'uva è ricca di vitamine e sostanze vitali per il nostro organismo come il calcio, il ferro, il fosforo, il potassio, l'acido malico, l'acido citrico e l'acido tartarico. Ma come va eseguita questa cura miracolosa?

Procuriamoci dell'uva fresca e matura direttamente nei vigneti o altrimenti assicuriamoci che sia di coltivazione biologica. Per almeno due giorni e per un massimo di tre settimane - ma due giorni è più che sufficiente - dovremo mangiare solo uva. Possiamo scegliere una o più varietà, possiamo optare per mangiare tutto il chicco oppure lasciare la polpa e buttare la buccia o viceversa, l'importante è che si mangi solo uva e si beva solo acqua.

I risultati saranno da subito evidenti, con un miglioramento dei processi digestivi soprattutto a livello intestinale e di disturbi a esso correlati come alitosi, infiammazioni a denti e gengive, dolori articolari, mal di testa cronico. Per non parlare poi dei miglioramenti estetici: pelle, capelli, occhi più luminosi, perdita di peso, attenuazione o addirittura scomparsa di malattie cutanee come la psoriasi, così come di ritenzione idrica e cellulite.

Questo avviene perché grazie all'uva si innesca un'azione disintossicante - ma non debilitante! - che ci libera dalle scorie, dal vecchio, rinnovandoci e rinforzando quindi le nostre difese immunitarie.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto