Secondo un operatore francese, al momento ci sono pochi mango peruviani sul mercato. "L'anno scorso i volumi erano sufficienti, ma la campagna attuale è partita in ritardo. Numerosi fenomeni climatici hanno avuto un forte impatto sulla produzione peruviana. Il Kent, la principale varietà riconosciuta per la sua qualità, avrebbe visto i suoi volumi ridursi di quasi il 70%".

Condizioni climatiche avverse
Il fenomeno climatico El Niño "ha ridotto notevolmente la produzione e ritardato la stagione del mango peruviano". Di conseguenza, il mercato è "praticamente vuoto", il che ha portato a un aumento significativo dei prezzi, con alcuni operatori che parlano di quotazioni "molto alte". Per quanto riguarda i mango messicani, il loro arrivo sul mercato è previsto per marzo.