All'inizio della stagione spagnola delle verdure coltivate in serra, Kees Havenaar di Frutas Luna aveva già indicato che sarebbe stato un inverno molto diverso, in parte a causa della semina tardiva di molte colture.

"Sembra che per alcuni prodotti mi stia avvicinando alle previsioni. L'intero autunno è stato piuttosto piacevole. Abbiamo iniziato con prezzi elevati per i peperoni e anche i cetrioli sono partiti bene. In ottobre i prezzi dei peperoni sono saliti alle stelle, con prezzi di oltre 20 euro a cassetta. Ma a novembre è arrivata l'inversione di tendenza. Da quel momento in poi i prezzi dei peperoni sono stati un grande dramma e il prodotto è risultato anche invendibile. Per i prodotti spagnoli è e rimane difficile competere con i vicini del sud".

"I peperoni rossi e cornetto sono in realtà abbastanza stabili per tutta la stagione. Mi aspetto che il mercato di entrambi i prodotti si risollevi un po'. Per quanto riguarda le melanzane, non credo che la situazione si riprenderà. Al momento abbiamo temperature troppo alte, anche di notte, i coltivatori continuano a raccogliere. Non so quando arriverà la merce olandese, ma quando accadrà, sarà finita".

"Per il momento le vendite di cetrioli sono in crescita. Non ci sono anomalie come negli altri anni. Questo ha a che fare con il clima che abbiamo in Spagna, se alla fine di novembre si verifica una settimana di freddo si può essere certi che a gennaio tutto sarà costoso - continua Kees - Il prodotto che registra le migliori performance è il mini cetriolo. Abbiamo un bel lotto che possiamo imballare in tutte le dimensioni e pack, e penso che questo sia il prodotto di punta di quest'inverno".

"Per quanto riguarda i pomodori a grappolo, l'andamento attuale è esattamente all'opposto dell'anno scorso e di quello precedente. Sapevamo che quest'anno sarebbe stato difficile, ma non immaginavamo che sarebbe stato così brutto. A dicembre abbiamo iniziato con prezzi intorno ai 15 euro e siamo andati avanti fino alla prima settimana dell'anno nuovo con prezzi superiori ai 10 euro, ma dopo è finito tutto. L'anno scorso si riusciva a vendere tutto quello che c'era e anche di più. I prezzi non avevano importanza, perché il prodotto si vendeva. Non sappiamo quanto durerà questa situazione. Ovviamente, speriamo non troppo a lungo. Fortunatamente, possiamo ancora guadagnare con il nostro marchio Luna, ma non è facile".

"La primavera non ci appare cupa, ma come succede solitamente in questo settore, ogni anno è diverso dal precedente. Tutto può ancora accadere!".

Per maggiori informazioni:
Kees Havenaar
Frutas Luna
+34 950 178 653
kees@frutasluna.com
www.frutasluna.co