Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

La domanda polacca di mirtilli è forte nonostante l'inflazione

Con l'inflazione che ha colpito l'Europa, Sandra Stefaniak-Syguła, comproprietaria dell’azienda di commercio polacco di piccoli frutti Berrytrade, aveva previsto un calo della domanda di mirtilli, ma i consumatori non vi hanno mai rinunciato e le vendite sono persino cresciute su base annua.

"Nonostante il tasso d'inflazione più alto in Polonia dal 1996, ufficialmente di circa il 16%, i piccoli frutti sembrano avere una fedele clientela base e resistono più di quanto ci aspettassimo al calo dei consumi", spiega Stefaniak-Syguła. "Le vendite della Berrytrade sono in costante aumento, il che può essere attribuito ai nostri sforzi per mantenere i prezzi a livelli accettabili e all'introduzione di nuove etichette di nostra progettazione, che conferiscono a ogni confezione una speciale immagine estiva".

Mentre la maggior parte dei commercianti di mirtilli si ferma al termine della stagione delle esportazioni, Berrytrade importa piccoli frutti per il mercato locale durante la bassa stagione. Stefaniak-Syguła spiega: "Durante la cosiddetta stagione d'oltreoceano, che va da ottobre a giugno nel caso della Polonia, forniamo un gruppo di catene di supermercati polacche. Ma nei mesi estivi, tra giugno e settembre, esportiamo quasi esclusivamente mirtilli a Paesi come Germania, Austria, Paesi Bassi, Danimarca, Svizzera, Repubblica Ceca e Slovacchia. Nel 2022, il cambiamento più grande per noi è stato probabilmente l'avvio delle esportazioni di carichi completi di mirtilli, con frutti serbi e poi rumeni. In questo modo, Berrytrade ha esteso la sua stagione d’esportazione ed è diventata un partner importante per i grandi operatori dell'Europa occidentale, poiché siamo in grado di fornire carichi completi di mirtilli di buona qualità, fino a quattro mesi all'anno".

Sebbene i supermercati polacchi non offrano ottimi prezzi, i volumi che devono acquistare per i consumatori polacchi sono enormi, motivo per cui il mercato locale rimane un business importante per la Berrytrade

"Nonostante gli aumenti globali dei costi di trasporto, elettricità, manodopera, fertilizzanti, imballaggi fra gli altri, i prezzi dei piccoli frutti sembrano essere di fatto sotto forte pressione - dice Stefaniak-Syguła - Questo perché ogni catena di supermercati è fortemente concorrenziale. Non è la situazione migliore per i coltivatori e i commercianti di piccoli frutti. Sebbene il mercato polacco paghi prezzi inferiori rispetto a quelli sui mercati dell'Europa occidentale o settentrionale, il potere d'acquisto di quasi 40 milioni di abitanti non può essere ignorato dai grandi coltivatori di piccoli frutti provenienti da varie parti del mondo. Nel frattempo, stiamo lavorando per entrare in altri mercati vicini alla Polonia, come gli Stati baltici, poiché la nostra posizione è perfetta per le consegne in questi Paesi. La nostra struttura si trova proprio sulla rotta dall'Europa occidentale agli Stati baltici, ma con due giorni di viaggio in meno".

Grazie ai finanziamenti dell'Ue, Berrytrade ha aggiornato la sua linea di selezione, ma Stefaniak-Syguła pensa che sia meglio effettuare questi aggiornamenti a piccoli passi alla volta, data la situazione finanziaria mondiale. "Nonostante le suddette incertezze, effettuiamo costantemente investimenti di varia natura. Cerchiamo di essere abbastanza cauti, per essere sicuri di riuscire a finanziare questi investimenti ma, per rimanere competitivi, dobbiamo stare al passo con le innovazioni. Quest'anno abbiamo iniziato ad acquistare alcuni nuovi veicoli per la nostra flotta, che come sempre sono brandizzati con il design grafico di Berrytrade per divulgare il nostro marchio tra i clienti. Oltre a questo, abbiamo richiesto fondi Ue per l'acquisto di una nuova macchina riempitrice a peso per la nostra linea di confezionamento di mirtilli. Prima che scoppiasse la crisi economica, stavamo valutando la possibilità di richiedere l'intera linea ma, nella situazione attuale, ha più senso fare queste sostituzioni gradualmente".

"Investiamo anche nel nostro staff. I nostri dipendenti, prevalentemente ucraini, seguono regolarmente lezioni di polacco e inglese. Selezioniamo anche colleghi per formarli come camionisti. Mantenere nella nostra attività lo stesso gruppo di persone motivate e di talento, per tutto l'anno, è fondamentale per il nostro successo. Ogni mese e ogni singolo chilogrammo di piccoli frutti selezionati e confezionati presso la nostra struttura, sviluppa la nostra competenza nel settore dei piccoli frutti. Questo è il nostro grande vantaggio competitivo, rispetto alle aziende che operano solo un paio di mesi all'anno", conclude Stefaniak-Syguła.

Per maggiori informazioni:
Sandra Stefaniak-Syguła
Berrytrade
+48 692 640 720
sandra@berry-trade.com  
www.berry-trade.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto