Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Francois Myburgh della Bet-el Fruit

"Se non hai un prodotto di qualità, non importa quanto il mercato dell'uva da tavola sia vuoto"

La tensione è alle stelle nell'industria dell'uva da tavola sudafricana. Attualmente un commerciante si sente più un vigile del fuoco, secondo Francois Myburgh, direttore esecutivo marketing della Bet-el Fruit.

"L'anno scorso abbiamo avuto problemi con le spedizioni. Quest'anno, a causa della pioggia e della grandine, è la qualità a preoccuparci e, in alcuni casi, si aggiungono anche i problemi di manodopera", afferma Francois. "Ci sono tante variabili su cui non abbiamo alcun controllo".

Le interruzioni dell'elettricità sono state disastrose per l'industria frutticola sudafricana, una situazione nella quale, secondo Francois, gli europei ora riescono a immedesimarsi perché stanno avendo gli stessi problemi.

"Un viticoltore dell’Orange River mi ha parlato del suo consumo di elettricità: ha bisogno di pompare l'acqua dal fiume. Con il caldo che c’è adesso, i vigneti devono essere tenuti sempre bagnati e poi ci sono le celle refrigerate e i capannoni per l’imballaggio. Tutto questo è enormemente costoso se si ricorre al noleggio dei generatori".


Le prime piogge determineranno una buona annata per la Crimson?
La Bet-el Fruit, specializzata in uva da tavola e agrumi del Capo Occidentale, ha iniziato la settimana 46 con le uve precoci provenienti dalla provincia di Limpopo, un’area soggetta alle piogge estive e che, purtroppo, ha appena visto naufragare un'altra campagna di uva da tavola per la pioggia.

Solitamente dopo si passa alle uve da tavola dell’Orange River Valley, ma quest'anno i volumi del Capo Settentrionale sono scarsi. Il raccolto registra complessivamente un calo fino al 30%, a causa del caldo eccessivo all’inizio della primavera, seguito da pioggia e grandine durante il periodo della raccolta, compresa una seconda grandinata che ha colpito le varietà più tardive.

Francois continua: "Diversamente, a Trawal non piove quasi mai, e questo ne fa un’area con una buona qualità del prodotto, ma quest'anno i coltivatori hanno già avuto due violenti rovesci di pioggia. Anche l'Hex River ha iniziato la raccolta in anticipo, ma le uve da tavola precoci hanno subito molti danni".

I primi cartoni provenienti dall’area di produzione di Trawal, vengono solitamente destinati all'esportazione ma, a causa della pioggia, sono rimasti sul mercato domestico.

Ora che sono terminate le festività natalizie e di Capodanno, possono iniziare le esportazioni dell’uva da tavola proveniente dalle aree di Trawal e Hex River.

Le interruzioni di corrente sono molto costose
In Sudafrica, i costi della riduzione del carico stanno peggiorando, insieme all'inflazione dei prezzi su tutta la linea e all'aumento dei livelli di indebitamento.

Anche prima del pesante impatto di pioggia e grandine, il quadro della liquidità aziendale era già fosco.

"I costi sono semplicemente troppo alti e i margini molto ridotti. Non puoi correre rischi. Anche se gli scaffali sono vuoti e i prezzi risultano buoni, se non hai la qualità, non importa quanto sia vuoto il mercato".

In caso di problemi di qualità, il reimballaggio delle uve da tavola e il loro invio ai mercati all'ingrosso o a quelli meno sensibili, sono all'ordine del giorno, ma i costi di rilavorazione delle uve con problemi, sono diventati astronomici in Europa.

I retailer prendono atto della situazione
"Anche i grandissimi produttori di uva da tavola sono preoccupati perché anche loro sono stati colpiti dai problemi di qualità. Quello che sta accadendo ora è che stanno esaurendo i loro programmi con i supermercati che sono costretti a riempire gli scaffali con le forniture di altri piccoli esportatori".

Di positivo c’è che i supermercati europei e britannici hanno iniziato a prendere atto dell'enorme pressione sui costi che gravano sui viticoltori, secondo Francois.

"I supermercati europei sono ancora molto cauti, anche se le cose vanno meglio rispetto agli anni precedenti. I prezzi sono leggermente migliori, soprattutto nei discount che hanno alzato un po' i loro prezzi. Vedono cosa succede fuori e hanno bisogno di avere l'uva da tavola sui loro scaffali. In particolare per i cestini, sono pronti a impegnarsi maggiormente".


La finestra che precede il Capodanno cinese è andata persa a causa della pioggia
"Inizialmente abbiamo puntato al Capodanno cinese (22 gennaio), ma quest'anno cadrà ancora prima: avendo solo uve da tavola del Limpopo, non potevamo correre rischi. Stessa cosa con il Capo Settentrionale, dove abbiamo provato a procurarci l'uva da tavola ma è risultato difficile".

Di conseguenza, non è stato possibile inviare uva da tavola in Cina o in Estremo Oriente ma, dal momento che il mercato di Canton non è più soggetto al lockdown, il mercato dell'uva da tavola ha recuperato un certo interesse.

"Continuiamo a sperare nel mercato cinese dell'uva da tavola, ne abbiamo davvero bisogno".

Per maggiori informazioni:
Francois Myburgh
Bet-el Fruit
Tel: +27 21 863 3146 / +27 21 863 3147
Email: info@betelfruits.co.za
Web: www.betelfruits.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto