Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Termina prima la stagione ungherese delle mele e delle noci

In Ungheria, la stagione delle mele e quella delle noci termineranno la prossima settimana, con qualche settimana di anticipo rispetto agli anni precedenti. Máté Tömösváry, della Balaton-ker-Tész, dice che è stata un'annata molto negativa per il settore delle mele in questo Paese dell'Europa centrale, con un'estate molto calda e senza pioggia, e prezzi più bassi.

"Per evitare costi elevati di raffreddamento e stoccaggio, molti produttori hanno deciso di vendere le maggiori quantità possibili, inondando il mercato. Questo ha portato a prezzi più bassi".

"Abbiamo ancora una settimana per la raccolta delle mele, che dovrebbe terminare a stretto giro. Stiamo finendo anche con le noci. Sono rimasti solo alcuni pallet. Entrambe le stagioni sono decisamente più brevi. L'anno scorso abbiamo inviato i camion agli acquirenti quasi fino all'inizio di dicembre. Quest'anno il costo dello stoccaggio potrebbe essere incredibilmente alto", afferma Tömösváry.

"Lo stoccaggio delle mele in atmosfera controllata è una grande sfida. Il mercato delle mele è molto difficile. Nessuno vuole mettere frutta nelle celle, tutti le inviano subito al mercato. La nostra stagione è stata un po' più difficile, quest'anno tutti hanno dovuto ridurre i prezzi. Tuttavia, i prezzi dell'industria sono rimasti buoni, e migliori rispetto allo scorso anno. Le mele, oltre alle ciliegie, hanno subito i danni maggiori in questa torrida estate appena trascorsa".

"In Ungheria, quando è arrivato il momento in cui le mele prendono il loro colore rossastro, c’è stato il gelo. Dopodiché ci sono state precipitazioni molto scarse per tutta l'estate. Tutto ciò che di brutto poteva accadere alla stagione delle mele, quest'anno è successo. È stata sicuramente una brutta annata. Potrebbe esserci una quantità limitata di mele il prossimo anno. Di solito, i produttori vendono i loro frutti all'inizio di aprile o marzo, ma immagino che finiranno prima l'anno prossimo, perché il costo di refrigerazione è attualmente molto alto".

"I prezzi di stoccaggio sono elevati e quelli delle mele sono bassi, e questo può essere molto pericoloso. Ci vorrà molto denaro per refrigerare le mele. Dobbiamo fornirle per il programma con le scuole ungheresi e quindi conserveremo i frutti fino ad aprile", spiega Tömösváry.

La raccolta delle noci è terminata
Tömösváry dice che la raccolta delle noci è terminata circa tre settimane fa, con le ultime noci sgusciate ed essiccate. "Vendiamo a livello locale, e soprattutto in Germania e Austria, i nostri mercati principali. I prezzi stanno oscillando nella stessa fascia dell'anno scorso. Ma quest’anno non vanno bene perché l'inflazione è alta. Siamo in leggero disavanzo rispetto ai prezzi dell'anno scorso. Nel complesso, però, siamo contenti perché il mercato delle noci è rimasto buono per tutta la stagione.

"Avevamo circa 400 ettari in tutto. Ma ora abbiamo molti nuovi frutteti, con 250 ettari produttivi. È stato un anno nella media per la raccolta delle noci. Non è stato niente di speciale, né buono né cattivo. In estate non è piovuto, ma gli alberi sono davvero grandi e le radici molto profonde, quindi quando non piove cercano l'acqua a profondità maggiori. La qualità delle noci è eccellente quest'anno. Ne siamo felici. Quando le rompiamo, l'interno è molto bello", conclude Tömösváry.

Per maggiori informazioni:
Máté Tömösváry
Balaton-ker-Tész Co-operative
Tel: +36204227200
Email: balatonkertesz@gmail.com 
Web: www.balatonkertesz.hu


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto