Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

La società sta mantenendo la sua posizione nonostante un mercato difficile

Greenyard chiede che venga azzerata l'IVA su frutta e verdura: "Non c'è niente di cui discutere"

Negli ultimi sei mesi, la società olandese Greenyard ha rafforzato la sua posizione di mercato, nonostante i "disordini macroeconomici e geopolitici senza precedenti", ha detto il co-amministratore delegato, Marc Zwaaneveld, durante una conferenza stampa di presentazione dei risultati semestrali. Inoltre, Marc ha invitato i governi olandese e belga ad azzerare l'IVA su frutta e verdura, il prima possibile.

"Non c'è niente di cui discutere. Bisogna solo avere coraggio politico". Marc afferma che la decisione su quali gruppi di prodotti saranno inclusi, può essere elaborata in un secondo momento. "La decisione non deve impantanarsi su quello che dovrebbe o non dovrebbe essere incluso. La situazione della frutta e verdura non trasformata è già molto nota".

"Esorto i Paesi Bassi e il Belgio ad azzerare l'IVA su questi gruppi di prodotti. La frutta e la verdura fresche sono salutari e il loro consumo apporta benefici al clima più del consumo di frutta e verdura trasformata. Non continuate a discutere perché alcune multinazionali vogliono che i regolamenti includano anche i loro prodotti. Si potrebbe sempre considerarlo successivamente".

Il co-amministratore delegato Hein Deprez non era presente alla conferenza stampa, ma ha fatto una dichiarazione sui risultati attraverso un comunicato stampa: "Le attuali condizioni economiche indicano che il consumo medio di frutta e verdura per persona rimane ben al di sotto del minimo raccomandato dall'OMS di 400 g/giorno. Oggi abbiamo la possibilità e lo slancio giusto per utilizzare appieno il potere puro di frutta e verdura".

"Si stanno adottando e attuando priorità e strategie politiche favorevoli che sottolineano il ruolo fondamentale della categoria alimentare più sana e sostenibile. Inoltre, frutta e verdura hanno un impatto limitato sul potere d'acquisto. L'inflazione colpisce relativamente le persone che acquistano questi prodotti. Mai come ora, è il momento di aumentare il consumo di frutta e verdura, per il bene delle persone e del pianeta".

Posizione relativa migliorata
Negli ultimi sei mesi, Greenyard ha rafforzato la sua posizione sul mercato. "Guerra, inflazione elevata e sconvolgimenti lungo tutta la filiera - per coltivatori, industria e clienti finali - stanno caratterizzando questo periodo. A livello europeo, il volume totale del mercato è diminuito del 10%. Alla Greenyard, il calo è stato del 3%, quindi la flessione è risultata più contenuta. La quota di mercato del gruppo nel segmento Fresh è addirittura cresciuta. Nella prima metà dell'anno fiscale 2022/23, i volumi sono aumentati anche nel segmento Long Fresh", continua Marc.

La società dice di essere rimasta solida, nonostante il mercato difficile. Le vendite della Greenyard sono aumentate del 7,3% rispetto allo scorso anno, a quasi 2,3 miliardi di euro. Le vendite di ortofrutta fresca sono cresciute del 5,9% e quelle dei prodotti surgelati del 14,5%. L'utile netto delle operazioni continue è leggermente diminuito: 7,1 milioni di euro rispetto agli 8,5 milioni di euro di un anno fa. Ma l'indebitamento netto è sceso a 328,4 milioni di euro. Nello stesso periodo dell'anno scorso, era di 338,1 milioni di euro.

"L'alta inflazione e gli elevati costi di energia, trasporti e manodopera pesano sul settore". La Greenyard non può ancora trasferire interamente gli aumenti dei costi. "Tuttavia, la continua redditività e l'aumento della quota di mercato sono fondamentali per una crescita costante", continua Marc.

"Verrà il momento in cui tornerà la calma e allora la nostra nuova posizione sul mercato ci avvantaggerà". La società intende riprendere il pagamento dei dividendi? "Ne discuteremo ulteriormente alla fine dell'anno finanziario. È troppo presto per dire qualcosa al riguardo, ma lo stiamo riconsiderando", afferma Marc.

Possibili carenze di prodotti ortofrutticoli
La Greenyard guarda al futuro con fiducia. "L'attuale situazione economica e il clima geopolitico non consentono di fornire una prospettiva chiara ma, nel breve periodo, siamo fiduciosi di riuscire a dimostrare che la nostra azienda è solida. La crescita a lungo termine dipende dalla situazione globale. Un mondo in cui il passaggio ai marchi privati e l'azzeramento dell’IVA andranno a vantaggio della Greenyard".

Ma ci sono ancora sfide molto difficili da affrontare. "Ovviamente c'è molto da fare sulla disponibilità del prodotto. Tuttavia, per quanto riguarda il segmento Long fresh, non c’è problema di disponibilità", afferma Marc. "Per quanto riguarda il segmento Fresh, la situazione è un po' più difficile. Continueremo sempre a sostenere la coltivazione regionale, ma il fatto è che potrebbero esserci delle carenze di alcuni prodotti locali".

"Abbiamo le nostre opzioni locali, ma i nostri clienti potrebbero dover fare delle scelte. Un prodotto potrebbe essere meno disponibile in determinati periodi dell'anno, oppure potrebbero dover optare per prodotti più economici. In generale, tuttavia, non avremo problemi di approvvigionamento. Siamo convinti che il nostro modo di lavorare e la trasparenza dei nostri prodotti, ci permetteranno di mantenere la nostra posizione sul mercato", conclude Marc.

Clicca qui per leggere i risultati semestrali completi di Greenyard Group.

Per maggiori informazioni:
Greenyard
Website: www.greenyard.group  


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto